Prostata: l’alimentazione consigliata

Quanto influisce sulla prostata la nostra alimentazione? Moltissimo.

Mangiare certi tipi di alimenti nel corso degli anni, perciò, può aiutare a prevenire l'ingrossamento della prostata, superata una certa età.

Un articolo pubblicato dalla rivista Urology riporta un piccolo elenco degli alimenti che aiutano ridurre i rischi di ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica benigna) del 59%. Vediamo quali!

Cipolla

Secondo l'articolo, le quantità ottimali sono di quattro cipolle a settimana. Se vogliamo potenziarne l'effetto, viene consigliato di mischiare alle cipolle dell'aglio crudo schiacciato, un toccasana anche per il cuore.

L'alimentazione post vacanza

Broccoli

Questo tipo di vegetale, grazie all'alto contenuto di indoli che possiede, ovvero composti in grado di bloccare eventuali iter cancerogeni, difenderà la prostata da eventuali tumori. Le quantità minime sono di 400 grammi a settimana. L'ideale sarebbe mangiare i broccoli crudi, come insalata, perché cuocerli vorrebbe dire diminuire la quantità degli indoli.

Pomodori

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che il licopene, sostanza che si trova soprattutto nei pomodori, diminuisce drasticamente il rischio di contrarre problemi alla prostata. Alimenti come il concentrato di pomodoro e ketchup, poi, hanno un tasso di licopene ancora più alto rispetto ai pomodori secchi. Occhio a non abusarne, però!

Tè verde

Ricco di antiossidanti, il tè verde riduce, e di parecchio, i rischi di problemi alla prostata: parola dell'American Journal of Epidemiology.

La quantità ottimale consigliata è di 5 tazzine al giorno.

I benefici del tè

Acciughe, merluzzo, tonno

Alimenti di questo tipo, ovvero ricchi di selenio, rendono la prostata meno indifesa da ingrossamenti e tumori.

Leggi gli altri articoli di I Feel Good

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli