Breve guida al Bonus Casa 2021

Di Elena Marzorati
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Jessie Casson - Getty Images
Photo credit: Jessie Casson - Getty Images

From ELLE Decor

Sta per chiudersi quest’anno difficile e controverso e tutte le nostre speranze sono puntate sul 2021, anche in termini di agevolazioni, risparmi, detrazioni fiscali. Orientamenti per il nostro portafoglio! Dunque quali saranno le novità per la casa che potrebbero essere contemplate nella legge di bilancio, ancora in approvazione? Partiamo da qualcosa di realmente nuovo, ossia il bonus bagno.

Bonus bagno

Si tratta per ora di un’ipotesi al vaglio per la legge di bilancio, un bonus che attualmente ha ottenuto l’approvazione della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati. In pratica questo bonus è un’agevolazione economica di mille euro per gli interventi di risparmio e riqualificazione idrica dei servizi igienici del bagno. Viene erogato alle seguenti condizioni: se vengono forniti e posati in opera vasi sanitari con volume massimo di scarico di sei litri; se vengono forniti e installati soffioni doccia, colonne doccia e rubinetti a risparmio idrico, mentre i dispositivi per il controllo del flusso idrico devono possedere una portata uguale o inferiore ai sei litri d’acqua al minuto. Per i soffioni doccia invece, la portata dovrà essere pari a 9 litri d’acqua al minuto.

Bonus Mobili 2021

La vera novità per il bonus mobili dell’anno prossimo è l’innalzamento del tetto di spesa da 10mila a 16mila euro. Dunque non solo sarebbe confermata per l’intero 2021 questa agevolazione fiscale per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici per l’immobile oggetto di ristrutturazione, ma si potrà spendere di più per arredi e appliance per la casa. Riassumendo, coloro che ristrutturano casa fruendo della detrazione fiscale del 50% possono contemporaneamente godere del bonus mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) inseriti in un edificio in ristrutturazione.

Detrazione per ristrutturazione

Come abbiamo già accennato parlando del bonus mobili, sino al 31 dicembre 2021 verrà prorogata la detrazione fiscale al 50% per le opere di ristrutturazione edilizia con tetto di spesa massima pari a 96.000 euro. Per avere diritto a questa detrazione, occorre che i pagamenti vengano effettuati con bonifico bancario o postale, anche online. Infine l’agevolazione va indicata nella denuncia dei redditi e spalmata su 10 anni.

Bonus facciate 2021

Anche questo bonus dovrebbe rientrare nel 2021. Ricordiamo che il bonus facciate consente di detrarre dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche - l’Irpef – il 90% dei costi documentati inerenti agli interventi edilizi per il restauro o il recupero della facciata di immobili posizionati in specifiche aree, senza limiti massimi di spesa.

Superbonus

Non è ancora ben chiaro il contesto targato 2021 in cui s’inserirà il superbonus 110%, ossia la consistente detrazione per le spese sostenute dal primo luglio al 31 dicembre 2021 per gli interventi specifici legati all’efficienza energetica, alla riduzione del rischio sismico, all’installazione di impianti fotovoltaici e infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. Attualmente un emendamento alla manovra approvato dalla commissione bilancio ha prorogato il superbonus 110% fino al 30 giugno 2022. Tuttavia i lavori si potranno completare anche nel semestre successivo: la formula risulta 6 mesi+6 mesi, estendendo la proroga sino al dicembre 2022.

Ecobonus 2021

Verrà prorogato al 2021 anche l’ecobonus – la detrazione fiscale per le opere di risparmio energetico sia su edifici singoli che nei condomini - la quale in base ai lavori svolti potrà variare dal 50% al 65%. Pavimentazioni, finestre e infissi e coibentazioni, installazioni di pannelli solari e sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sono inclusi nell’ecobonus, come pure nel caso si acquistino e si posino in opera schermature solari, dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative; l’acquisto e la posa di micro-cogeneratori in sostituzione degli impianti in essere, l’acquisto di generatori d’aria calda a condensazione; la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione.

Bonus verde 2021

Infine un bonus importante in termini ambientali. Il bonus verde, ossia la detrazione fiscale Irpef del 36% sulle spese per la sistemazione di giardini, terrazzi e aree green in generale varrà anche per il 2021. Si tratta di un’agevolazione da ripartire in dieci quote annuali, che deve essere calcolata su un importo massimo di cinquemila euro per unità immobiliare a uso abitativo, inclusivo delle spese eventuali di progettazione e manutenzione associate alla realizzazione degli interventi.