Britney Spears contro il padre: ‘Avrebbero dovuto rinchiuderlo’


Britney Spears pensa che suo padre sarebbe dovuto essere stato arrestato durante il processo che l’ha vista protagonista lo scorso anno. La cantante 40enne, che dal 2018 al 2021 è stata sotto tutela legale del padre Jamie, è convinta che i giudici avrebbero dovuto mettere in galera il genitore quando lei ha raccontato come veniva trattata.
“Credo davvero che chiunque si fosse trovato in quella situazione non ce l'avrebbe mai fatta. Se fossi stata apprezzata e rispettata, mio padre sarebbe stato rinchiuso in due secondi!”, ha scritto sul social.
Brit, che quest’anno ha sposato il compagno Sam Asghari, vuole ora solamente concentrarsi sulla sua felicità, non le importa di proseguire battaglie legali in tribunale. “La gente dice che dovrei sborsare un sacco di soldi per dimostrare che queste accuse sono vere! Non spenderò mai altri soldi e non andrò mai in tribunale per vedere se mio padre verrà condannato!”, ha aggiunto. “Ho scelto di sorridere e di sbatterlo in faccia alla mia famiglia fino al giorno della mia morte”, ha concluso.
Nel post su Instagram Brit ha anche rivelato che solamente ad ottobre del 2021 le è stato consentito di utilizzare una propria carta di credito per la prima volta dopo oltre un decennio. “Ho tremato per 15 minuti quando ho fatto il primo acquisto in totale libertà. Come osa uno stato o una nazione concedere a un uomo o a una donna il diritto di usare i miei beni a mio nome?”, ha dichiarato.