Bruxelles vuole tassare i porti italiani e aprire la strada alle privatizzazioni

Claudio Paudice
porti

L’impressione è che a Bruxelles abbiano già deciso: i porti italiani devono essere tassati. Con la pubblicazione della lettera in Gazzetta Ue il 10 gennaio, lo scontro tra Roma e la Commissione Europea entra nella fase decisiva della controversia legale iniziata nel 2017. Stanno per scadere infatti i trenta giorni di tempo concessi all’Italia per replicare alle durissime osservazioni alla base dell’indagine per aiuti di Stato, aperta formalmente dopo più di un anno di riunioni e missive tra i tecnici del Ministero dei Trasporti e la Dg Competition.

La storia è nota: l’Unione Europea da tempo chiede all’Italia di adeguarsi agli altri Stati Ue riscuotendo le tasse - in particolare l’imposta sul reddito delle società, l’Ires - dalle quindici Autorità di Sistema portuale (Asp), da sempre esentate perché enti pubblici e diretta emanazione del Mit. Per Bruxelles l’esenzione è una chiara infrazione dei principi del libero mercato: la Dg Competition che fa capo alla danese Margrethe Vestager ritiene che distorca la concorrenza, procuri indebiti vantaggi alle Asp, incida sugli scambi intra-Ue e sia una misura selettiva. La lettera, che illustra ampiamente le ragioni di Bruxelles e meno quelle italiane, segna una svolta e apre quindi formalmente un’indagine che ha tuttavia la fattezze di una sentenza, ed è questa: se le Autorità portuali non pagano dazio, per l’Italia sarà procedura di infrazione.

Il tema è complesso e va inquadrato sia nel contesto di sviluppo portuale internazionale, sia nella cornice giuridica che vede due interpretazioni diametralmente opposte del ruolo delle Asp. Partiamo da queste. Nel corso del 2019 i funzionari del Ministero dei Trasporti hanno sempre rispedito a Bruxelles ogni richiesta. Per le norme italiane, confermate anche da pronunce della Cassazione, le Asp sono articolazioni della pubblica amministrazione ai sensi dell’articolo 74 del Tuir, e pertanto sono tenute a pagare l’Irap, contributo regionale sulle...

Continua a leggere su HuffPost