I BTS sono una bomba (anzi una dynamite) e niente, praticamente è impossibile non amarli

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Kevin Winter - Getty Images
Photo credit: Kevin Winter - Getty Images

From Cosmopolitan

Non esiste un giorno in cui almeno uno di loro (e sono sette) non si trovi in tendenza su twitter. Nemmeno uno. Se Jungkook cambia colore di capelli come successo nei giorni scorsi, ecco che i milioni di fan rispondono presente andando in brodo di giuggiole e mandando in tilt i social, per non parlare delle ricorrenze come compleanni/anniversari di performance o #tbt particolarmente riusciti . Il 30 dicembre, per esempio, per il compleanno di V alias Kim Taehyung, un gruppo di aficionados ha raccolto una cifra astronomica per per regalargli un messaggio personalizzato e scintillante sul Burj Khalifa. I BTS sono una bomba (anzi una dynamite); RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin, V e Jungkook sono sul tetto del mondo e il loro successo supera latitudini e longitudini e persino il lost in traslation inevitabile per il mondo occidentale alle prese con la loro lingua madre, il coreano. Il Time li ha nominati Entertainer dell'anno 2020, hanno superato tutti i record immaginabili, il loro concerto virtuale in piena pandemia ha inanellato una serie di numeri sbalorditivi tra cui un guadagno di 20 milioni di dollari per 90 min di live. #cosmolovesBTS, l'accendiamo?

Parlare di k-pop è riduttivo per i BTS, acronimo di Bangtan Boys, insieme dal 2013 ma uniti nel sudore anche prima, nei duri anni da trainee in attesa del debutto. A fare la differenza e a lanciarli verso il successo internazionale, i messaggi importanti lanciati nelle loro canzoni, che sì, per essere apprezzate al meglio hanno bisogno di google translate, ma ne vale assolutamente la pena. Le difficoltà di una generazione, le aspettative, la solitudine, il peso del successo, la salute mentale, tanti i temi che si intrecciano nei loro album, che sono una miscellanea di stili e culture. Il tutto condito da un'immagine vincente, genuina e gentile: niente supponenza ma tanta "condivisione", umiltà a non finire, e un look fluido che abbraccia alla perfezione il credo della Gen Z. Un consiglio? Dynamite, la loro prima canzone tutta in inglese, ha fatto il botto (anche in Italia dove è stata certificata disco di platino ndr) ma deve essere solo il punto di inizio per scavare e andare a fondo nella loro immensa e versatile discografia.

Al loro fianco (e la loro vera fortuna), gli Army come viene chiamato il loro "esercito" di fan, iniziali di Adorabile Representative MC for Youth, nome da cui si evince la loro mission di essere portavoce dei giovani e delle loro battaglie. La Corea del Sud se li tiene stretti, (grazie a loro il turismo, la cultura e l'economia sudcoreana sta vivendo un momento di massimo splendore) tanto da aver creato una legge ad hoc per posticipare più in là possibile la leva obbligatoria: la nuova norma "salva-BTS", infatti, consente agli artisti pop di fama di rimandare l'oneroso servizio militare fino ai 30 anni.

"Ci siamo fatti strada lentamente, ci sembra di essere cresciuti insieme. E ora ci conosciamo a un livello più profondo", le parole di JungKook al TIME, che ricorda come "in un'era segnata da così tanta angoscia e cinismo" la band sia rimasta fedele al loro messaggio di "gentilezza, connessione e auto-accettazione", con la musica ma anche tutto il corollario (per esempio donando 1 milione di dollari al movimento Black Lives Matter ndr). Il prossimo record da infrangere fa rima con Grammy e la sensazione è che anche questo primato verrà agguantato. Per concludere, pandemia permettendo, a quando un concerto in Italia?! Cause I-I-I'm in the stars tonight/So watch me bring the fire and set the night alight...