Buone maniere: come insegnarle al bambino

·4 minuto per la lettura
Come insegnare le buone maniere al bambino
Come insegnare le buone maniere al bambino

Insegnare le buone maniere al bambino può sembrare un compito arduo. È vero: non riuscirete mai a far masticare il vostro bambino di 2 anni con la bocca chiusa. Tuttavia, potreste essere sorpresi di quello che può imparare se vi concentrate sul trasmettere l’idea delle buone maniere, il principio che ci sono modi di comportarsi e modi di non comportarsi. Il vostro bambino sta effettivamente imparando questa lezione da un po’ di tempo, mentre mette alla prova i limiti e valuta le vostre reazioni.

Se trasmettete l’idea delle buone maniere all’inizio e spesso, lo capirà più velocemente – e resisterà meno – quando comincerete ad aggiungere alcuni dettagli più tardi.

Cominciate dando l’esempio – qualcosa che è più facile in teoria che in pratica. Può sembrare semplicistico, ma il modo migliore per avere bambini educati è essere educati. All’età di 2 anni, vostro figlio non vuole altro che essere come voi.

Se il vostro compagno è in piedi davanti al frigorifero quando avete bisogno di aprirlo, dite: “Scusami”. Se il vostro bambino si abitua a sentire discorsi cortesi in casa, questo è il tipo di discorso che userà lui stesso. Queste strategie sono ottime anche per aiutare il bambino a capire il concetto di condivisione.

Iniziate con le basi

Dire “per favore” e “grazie” è di solito il primo step di cortesia che ogni genitore cerca di insegnare, e si può iniziare non appena il bambino usa qualche parola per comunicare, di solito dopo il primo anno. Ci vorrà molto tempo prima che impari a dire “per favore” e “grazie”, ma una volta che il vostro bambino inizia a parlare, probabilmente vi ritroverete automaticamente a inserire le parole di cortesia e a fare una pausa perché lui le ripeta.

Chiedetegli di unirsi a voi a tavola

Imparare a stare fermi per più di cinque minuti di fila è una grande conquista per un bambino di 2 anni, quindi cercate di non mettervi mai in una situazione disastrosa se il vostro bambino si dimena o si lamenta. Tuttavia, le cene di famiglia possono essere un fantastico momento di pratica. Assicuratevi che i vostri obiettivi siano ragionevoli: quindici minuti a tavola, con il sedere sulla sedia per tutto il tempo, può essere un lavoro terribilmente duro per il vostro bambino irritabile. Quando si cena a casa di amici e parenti, ditegli in anticipo che questa è un’occasione per mostrare la sua nuova abilità di stare seduto.

Quando ci riesce, lodate i suoi sforzi, ma non così tanto da fargli sentire che sta facendo qualcosa al di là del normale. Inoltre, ricordate che stiamo parlando di un bambino di 2 anni: aspettatevi dei passi indietro e cercate di essere allegri.

Incoraggiare i saluti educati

A 2 anni, vostro figlio può certamente imparare a dire “ciao” quando arriva per le visite o incontra nuove persone e “arrivederci” quando è ora di partire. Sarà molto inaffidabile al riguardo, dicendo “Ciao” molto dolcemente in un’occasione e poi crollando nella timidezza o scoppiando in lacrime in quella successiva. Tuttavia, in generale è una buona mossa insegnare questi saluti perché aprono la strada a cose più avanzate, come “Piacere di conoscerti” e stringere la mano. Un po’ di preparazione aiuta qui: “Quando arriviamo dal nonno, diremo: ‘Ciao, nonno’, ok?”.

Come insegnare le buone maniere al bambino consigli
Come insegnare le buone maniere al bambino consigli

Se questa è la prima visita con il nonno e pensate che possa aver dimenticato com’eravate quando avevate 2 anni, avrete anche bisogno di lavorare un po’ in anticipo con lui in modo che non si senta ferito quando il nipote nasconde la faccia e si rifiuta di parlargli.

Cercare la civiltà dell’incontro di gioco

I primi litigi dei bambini sono di solito per la condivisione dei loro giocattoli, che dal loro punto di vista è una cosa scandalosa da chiedere loro. Non aspettatevi la santità, ma farete un favore a vostro figlio se cominciate a insegnargli ora che quando ci sono altri bambini non può monopolizzare tutti i giocattoli, sia a casa che all’asilo o alla scuola materna.

Se siete in grado di avere tranquillamente degli incontri di gioco di persona in questo momento, stabilite alcune semplici regole di base:

  • Per un giocattolo preferito di una persona, tutti fanno un turno con esso.

  • Nessuno può decidere come qualcun altro gioca con un giocattolo, finché quest’ultimo non viene danneggiato.

  • Nessuno può colpire, spingere o insultare le persone.

  • Rispondere alle infrazioni con un chiaro avvertimento e, se necessario, con la fine immediata del gioco.

Non dimenticate di lodare il vostro bambino

Assicuratevi di ricordargli la cosa bella che ha appena fatto quando si comporta in modo generoso o premuroso con gli altri bambini. A questa età, è difficile per i bambini capire il concetto di condivisione, quindi è importante rinforzarlo con la lode quando riesce a condividere.

Non dimenticate di dare l’esempio: prendere il telecomando del vostro partner e cambiare canale è esattamente il tipo di comportamento che volete scoraggiare in vostro figlio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli