Buone notizie: l’Italia legge! In crescita i tassi di lettura e acquisto libro nei primi 6 mesi del 2021

·4 minuto per la lettura
Photo credit: Kathrin Ziegler - Getty Images
Photo credit: Kathrin Ziegler - Getty Images

"Un sogno, una realtà di mezza estate". È questo il titolo scelto dall'Associazione italiana editori per presentare l'ultimo report sul mercato del libro relativo ai primi sei mesi del 2021. Stando all'indagine di settore, i dati sarebbero sorprendenti non solo rispetto a un anomalo 2020, ma anche se confrontati con il periodo pre-pandemia. Nel periodo di riferimento (4 gennaio-20 giugno) infatti si è registrata su larga scala una maggiore propensione alla lettura e all'acquisto di libri nei canali cosiddetti trade (ovvero nelle librerie, online e fisiche, e nella grande distribuzione, escludendo la scolastica, gli ebook e gli audiolibri)

Photo credit: maurizio siani - Getty Images
Photo credit: maurizio siani - Getty Images

Secondo l'Aie, legge più di prima il 31% dei lettori e compra più di prima il 25% degli acquirenti, mentre solo il 13% dichiara di leggere o acquistare meno. Dati che si riflettono sulla vendita di copie vendute – ben 15 milioni in più (+44%) rispetto al 2020 – e sul fatturato, cresciuto di 207 milioni di euro in più rispetto al 2020 (+42%). Questi ottimi risultati non rappresentano solo un'importante inversione di tendenza rispetto all'annus horribilis della pandemia, quando la chiusura delle librerie aveva fortemente danneggiato l'editoria, ma anche una conquista rispetto al periodo pre-Covid. Se confrontati con il 2019 i dati mostrano infatti un aumento delle vendite di 11 milioni di copie di libri in più (+31%) e un fatturato in crescita di 156 milioni in più (+28%) rispetto a due anni fa.

Photo credit: Tara Moore - Getty Images
Photo credit: Tara Moore - Getty Images

“Contrariamente a quanto avvenuto in altri paesi europei, in Italia, nella fase più acuta della pandemia, le persone hanno riscoperto la lettura e i dati di oggi confermano che c’è ancora spazio per crescere”. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha commentato i dati dell'Aie relativi ai primi sei mesi del 2021. “Sin dai primi giorni delle chiusure - ha continuato Franceschini - il Ministero non ha fatto mancare il suo impegno a favore del settore editoriale con una serie di misure straordinarie di sostegno e un’attenta politica di ristori. Tra le norme varate, ritengo che dal punto di vista simbolico quella più significativa sia stata la decisione di tenere aperte le librerie anche nelle zone rosse, riconoscendone così il valore sociale. Fondamentale anche la norma che obbliga le biblioteche ad acquistare i libri nelle librerie del territorio che ha messo in moto un circolo virtuoso che ha aumentato il patrimonio librario delle biblioteche, sostenuto le librerie e promosso la lettura. Siamo adesso al lavoro per rendere questa norma permanente e per dare all’intera filiera del libro una legge di sistema capace di sostenerne tutti i settori”. Grazie a questo provvedimento introdotto dal governo a favore delle librerie indipendenti, i canali di distribuzione più piccoli hanno raggiunto quota 332,9 milioni di euro, a fronte di un dominio quasi incontrastato dell'online, che ormai vale quasi la metà del mercato e che nel 2021 si attesta a quota 327,9 milioni di euro (il 47% del mercato) rispetto ai 184,6 milioni del 2019.

Photo credit: Studio 642 - Getty Images
Photo credit: Studio 642 - Getty Images

Assodato che gli italiani leggono di più rispetto al passato, quali sono i generi preferiti nel nostro Paese? In un anno "domestico" come questo i libri di giochi e tempo libero sono stati nettamente i più ricercati, con una vendita quadruplicata che ha raggiunto il +302%. Tra i ragazzi e gli adulti è cresciuta anche la passione per fumetti, manga e graphic novel, che con un +214% smettono di essere generi di nicchia e conquistano il mercato librario. Su tutti però colpisce il dato della saggistica, che sull'onda lunga del settecentenario della morte di Dante è cresciuto del 94%, insieme a biografie e autobiografie (+85%). Un risultato incoraggiante che dimostra come un corretto investimento sulla cultura sia in grado di produrre un mutamento culturale significativo e, ci si augura, duraturo.

Ecco la top ten dei libri più letti nel primo semestre 2021 secondo l'Aie: Il sistema, A. Sallusti, L. Palamara, Rizzoli; La disciplina di Penelope, G. Carofiglio, Mondadori; Le storie del quartiere, G. Lyon, Magazzini Salani; Cambiare l’acqua ai fiori, V. Perrin, E/O; L’inverno dei Leoni, S. Auci, Nord; Finché il caffè è caldo, T. Kawaguchi, Garzanti; La canzone di Achille, M. Miller, Marsilio; Io sono Giorgia, G. Meloni, Rizzoli; Una terra promessa, B. Obama, Garzanti; La sorella perduta, L. Riley, Giunti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli