C'è un misterioso segnale radio che viene dallo Spazio, e ora sappiamo da dove di preciso

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Christianto Soning / EyeEm - Getty Images
Photo credit: Christianto Soning / EyeEm - Getty Images

From Esquire

Dal 2007 gli astronomi si stanno spremendo le meningi per risolvere un incredibile mistero cosmico: perché ci sono improvvise esplosioni di radiazioni (note come fast radio burst) che rimbalzano attraverso l'universo? Negli ultimi dieci anni sono stati osservati centinaia di questi impulsi, ma gli scienziati non riescono a capire la loro origine.

Ora abbiamo finalmente una risposta: magnetar (magnetic-star) e cioè una stella di neutroni.

Questo bizzarro tipo di stella suona come qualcosa che potrebbe uscire dalle pagine di un fumetto. Le stelle di neutroni si formano dopo che stelle incredibilmente massicce, molto più grandi del nostro sole, muoiono. Le magnetar portano questo processo già assurdo all'estremo. Generano enormi quantità di energia e hanno un campo magnetico super potente che è circa un trilione di volte più forte del campo magnetico terrestre. (Da qui il nome minaccioso.)

Photo credit: Christopher Furlong - Getty Images
Photo credit: Christopher Furlong - Getty Images

Lo scorso aprile, gli scienziati di due distinti osservatori in Nord America avevano osservato un impulso di onde radio ad alta energia emanate da una magnetar all'interno della Via Lattea, a soli 30.000 anni luce dalla Terra. Nei giorni precedenti a quell'evento avevano osservato un'attività improvvisa della stella che si era manifestata con lo spargimento di raggi X e raggi gamma in tutta la galassia.

I ricercatori che fanno parte del team canadese dell'Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME) e del Survey for Transient Astronomical Radio Emission 2 (STARE2), descrivono i loro risultati in tre articoli pubblicati sulla rivista Nature. Questo fast radio bust (FRB), in particolare, è stato il FRB più debole a cui abbiamo assistito fino ad oggi. E un importante osservatorio - il radiotelescopio sferico ad apertura di cinquecento metri (FAST) cinese - lo ha completamente ignorato, quindi ci sono ancora domande senza risposta.

Tuttavia, questa scoperta potrebbe segnare un enorme balzo in avanti nello studio degli FRB per gli astronomi. La maggior parte di essi sono fugaci e vengono visualizzati solo per millisecondi. Alcuni si verificano ripetutamente, mentre gli scienziati ne hanno osservati altri solo una volta. Molti degli FRB che abbiamo visto hanno origine in galassie a milioni di anni luce di distanza, quindi è difficile identificare cosa li stia causando. Il fatto che questo evento abbia avuto origine nel nostro cortile cosmico è un grosso problema.

Gli astronomi hanno scoperto molte magnetar nella nostra galassia. Ora che una di queste è stata collegato a queste misteriose esplosioni radio, dovrebbe essere più facile giustificare il monitoraggio degli altri in modo più dettagliato. Le magnetar sono state nella lista dei candidati degli scienziati per un po', ma questa nuova scoperta potrebbe aiutarci a svelare questo strano caso una volta per tutte.