In Calabria le riprese del film “Good Vibes” su tecnologia e privacy

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 giu. (askanews) - La Calabria diventa la protagonista indiscussa del film di Janet De Nardis: "Good Vibes". Si tratta di un progetto cinematografico che affronta il tema dell'abuso della tecnologia e della tutela della privacy, il tutto in chiave fanta-tecnologica e con toni drammatici. Caterina Murino, Vincent Riotta, Mimmo Calopresti, Ludovico Fremont, Nicola Pecci, Andrea De Rosa, Antonio Talluira, Giulia Petrungaro, Stefania Casini, sono solo alcuni dei protagonisti di questo film a episodi, tutti concatenati in cui, senza un attimo di respiro, seguiremo il destino di un telefono e dei suoi proprietari. Una riflessione sulla nostra vita e su quella di chi amiamo.

Alessandro, un ragazzino di 12 anni trova, sul luogo di un incidente, un cellulare contenente un'applicazione che permette di avere la copia del telefono di chiunque: basterà inserire il numero di chi si desidera "spiare". Da qui si dipaneranno 5 storie dove i vari protagonisti si confronteranno con i propri desideri e istinti e la capacità di gestire il potere della conoscenza. Soggetto e sceneggiatura sono di Janet De Nardis, Ersilia Cacace e Mirko Virgili. La regia è della poliedrica regista e giornalista Janet De Nardis, che ha affermato di amare questa regione che ha dato i natali alla famiglia di suo marito. Suo suocero, infatti, Armando La Torre, è stato un critico letterario nato e cresciuto a Siderno e ancora oggi c'è un premio letterario e una biblioteca a lui dedicati. In questo suo primo lungometraggio la De Nardis sta mettendo testa e cuore al servizio della meravigliosa terra calabrese, dimostrando, ancora una volta, di saper essere dinamica e innovativa in ogni suo progetto.

"I magici scorci di Reggio Calabria conferiscono un valore aggiunto ad un'opera in cui l'estetica è un aspetto importante per la trasmissione del messaggio. L'energia di questa terra permette al cast di esprimere tutto il talento, ciak dopo ciak. Io mi sento molto ispirata da questi luoghi e spero che il cinema di tutto il mondo venga a raccontare le proprie storie in questo luogo che ha un'offerta di panorami e ambienti unica al mondo", ha affermato la regista Janet De Nardis.

Il film, prodotto da Toed Film, Stemo Media Group e Ellly Films, con la produzione esecutiva di Vittorio Flagiello, è realizzato con il contributo del Ministero della Cultura e della Fondazione Calabria Film Commission.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli