Caltanissetta, rintracciati i migranti scappati dal Cara

Migranti in fuga dal Cara di Caltanissetta

Sono stati rintracciati, e riportati al Cara di Pian del Lago di Caltanissetta, gran parte dei migranti che si erano allontanati domenica dalla struttura. In 184 erano riusciti a fuggire, chi anche scalzo, tra le campagne circostanti la struttura, ma le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciarli nel corso della notte.

Secondo il bilancio comunicato dall’Ansa sono oltre 125 i migranti ritrovati e rientrati al Cara. I profughi, costretti a rispettare la quarantena, avevano iniziato la loro fuga dalle 18 di ieri. La Questura ha annunciato che i migranti ritrovati saranno tutti messi nuovamente in quarantena e le forze dell'ordine hanno reso noto che non ci sono feriti e che la situazione nel Cara è ora sotto controllo.

VIDEO - Pescara, sindaco contro gli spacciatori: fontane distrutte a martellate

Roberto Gambino, primo cittadino Nisseno, ha mandato un chiaro messaggio al governo: “Pian Del Lago non è in grado di contenere i migranti, perché evidentemente non è una struttura idonea. Pretendo che non venga più nessuno a Caltanissetta e che il Cara venga svuotato da chi è in i quarantena. Ringraziamo le forze dell'ordine per aver rintracciato più di 100 migranti ma rimango dell'opinione che non possano stare qui". 

Dura presa di posizione anche dal governatore della Regione Sicilia Nello Musumeci: “Pretendo rispetto per la Sicilia, non può essere trattata come una colonia. Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c'è troppa improvvisazione e superficialità".