Cambio di stagione: le ripercussioni sull’umore

cambio di stagione

Quando il cambio stagionale si profila all’orizzonte è molto comune soffrire di tutta una serie di disagi, quali insonnia, irritabilità, mal di testa, problemi digestivi, ma anche irregolarità nel ciclo mestruale per le donne, cattive condizioni di salute e così via. Tutti questi sintomi, alcuni dei quali effettivamente prodotti dalla transizione stagionale, portano ad elevati livelli di stanchezza e ripercussioni più o meno intense sull’umore.

Gli effetti sullo stato d’animo possono essere lievi o moderati, ma è importante esserne consapevoli e adottare alcune semplici abitudini quotidiane per stare meglio e sentirsi immediatamente più energici.

Cambio di stagione: le ripercussioni sull’umore

Quando giunge la stagione autunnale le giornate si accorciano, le temperature si abbassano e arrivano le prime piogge. Tutto ciò ha forti ripercussioni sull’umore.

Una delle variabili che maggiormente influenza il nostro stato d’animo è sicuramente la riduzione delle ore di luce che genera stati malinconici e di ansia. Il sole, con i suoi raggi UV, stimola la produzione della vitamina D, utile per le ossa e in grado di favorire la produzione di serotonina, oltre che il rilassamento muscolare e la regolarità del ritmo biologico.

Le variazioni climatiche e della temperatura influiscono anche sul sistema immunitario, provocando molto spesso influenza, raffreddore, tosse e altri disturbi stagionali a cui si abbinano il senso di apatia e di affaticamento.

Quando arriva l’autunno e in caso di clima rigido è consigliabile non rinunciare alle attività che si possono svolgere all’aria aperta, come corse, giri in bicicletta e passeggiate con amici a quattro zampe. Questo consentirà di superare la pigrizia e di mantenere alto l’umore. Inoltre non bisogna dimenticare che anche l’autunno e l’inverno offrono paesaggi naturali di straordinaria bellezza che invogliano a fare escursioni e gite fuori porta.

La cura del corpo

Mentre si affronta il passaggio dall’estate all’autunno il corpo viene sottoposto a stress ed è fondamentale ascoltare e non ignorare i numerosi segnali che invia alla nostra psiche. Uno stato di benessere complessivo si raggiunge proprio quando il corpo e la mente sani si trovano in perfetto equilibrio e, per questa ragione, l’approccio più corretto di fronte al cambio di stagione implica la cura di tutto il corpo.

Molti studi e ricerche condotte sul tema hanno evidenziato l’esistenza di un vero e proprio disturbo stagionale, dal quale consegue affaticamento, scarsa capacità di concentrazione, nausea, rallentamento psicomotorio, irritabilità e riduzione del desiderio sessuale. Trattasi di condizioni assai diffuse fra uomini e donne di tutte le età.

Riconoscere questi stati d’animo, le emozioni e i cambiamenti dell’umore è già un buon modo per restare a contatto con se stessi e rendersi conto del proprio benessere generale per correre ai ripari. A questo proposito svolgere attività che fanno bene e offrono piacere è molto importante per ristabilire il proprio benessere. Giardinaggio, esercizio fisico in palestra, svaghi culturali e altre attività ricreative sono tutte ottime soluzioni per affrontare il cambio di stagione, oltre che per allontanare l’apatia e il cattivo umore.

Importante è anche non trascurare l’alimentazione e variare giornalmente il menù spaziando fra i tanti prodotti stagionali. Zucca, uva, castagne, cavoli, cereali integrali, frutta secca, pesce, carni o uova sono alcuni alimenti che permettono di seguire una dieta bilanciata. Il tutto deve essere affiancato anche da cibi con elevate concentrazioni di vitamina C, in quanto capaci di ridurre e contrastare l’affaticamento. Inoltre l’assunzione delle vitamine appartenenti al gruppo B consentiranno di supportare il metabolismo, mentre l’idratazione costante aiuterà ad eliminare le tossine.

Infine, non bisogna dimenticare il riposo notturno. Concedersi le giuste ore di sonno, nonostante i ritmi quotidiani stravolti dai disturbi, permetterà di rilassare la mente, di affrontare le giornate con maggiore vigore e di rimanere più concentrati.