Capello assicura: "Milan da Scudetto. Pioli ha enormi meriti, i rossoneri possono restare in vetta fino alla fine"

Niccolò Mariotto
·2 minuto per la lettura

Il Milan può vincere lo Scudetto. È di questo avviso Fabio Capello che nel corso di un'intervista con il Corriere della Sera ha analizzato l'ottimo momento di forma della squadra rossonera: di seguito le sue dichiarazioni in merito.

Fabio Capello | Pier Marco Tacca/Getty Images
Fabio Capello | Pier Marco Tacca/Getty Images

SUPER MOMENTO - "Il Milan può pensare in grande. Perché la differenza è sostanziale: tutti possono sognare in grande, pensare in grande no. E il Milan ora può farlo: anzi, deve farlo. La vittoria sul Napoli è stata una prova di forza impressionante. Ma mi ha colpito enormemente anche il successo contro la Fiorentina per la facilità, la risolutezza. Il Milan lì si è imposto da grande, senza soffrire, gestendo come le grandi squadre. Senza ansia. E soprattutto, senza Ibra".

IBRA - "Risentirne alla lunga? Non credo. Ora Ibra è molto più maturo, è diventato un leader vero. Non si limita più a portare i suoi gol, la sua differenza. Ora è un leader adulto. La squadra ha recepito la sua voglia di vincere, la sua mentalità. Basta guardare il linguaggio del corpo".

PIOLI - "Ha meriti enormi che secondo me non gli vengono riconosciuti appieno. Già in passato con la Lazio e la Fiorentina aveva dimostrato di essere un signor allenatore con personalità, idee. Aveva solo bisogno di tempo e fiducia. Tenerlo quest’estate era la scelta giusta. E ora si vede. I rossoneri giocano spensierati, liberi, senza ossessioni ma con un’identità precisa. Vogliono vincere e devono continuare così".

MERCATO - "Maldini ha fatto un lavoro da applausi, anche nella costruzione della squadra. Un nuovo difensore potrebbe fare comodo giocando su tre fronti ma poi basta. Vice-Ibra? Da un punto di vista numerico ci potrebbe stare ma il Milan ha raggiunto un suo equilibrio che è meglio non toccare".

LE ALTRE - "Inter e Juve hanno un bagaglio tecnico e di scelte che chiaramente le riporterà ad essere protagoniste. Hanno rose grandi e ricche. La Lazio è un enigma, l’Atalanta dipende da come prosegue la Champions, il Napoli è strutturato. Ma il Milan sta lassù perché se lo merita. E ci può restare fino alla fine. Fidatemi di me".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.