Caratteristiche e usi della taurina

·2 minuto per la lettura
taurina cosa serve
taurina cosa serve

La taurina è una sostanza che l’organismo umano produce attraverso il catabolismo ossidativo. Questo acido aminoetansolfonico si trova all’interno del cervello, nel cuore, nella retina e nelle piastrine. Può essere introdotto all’interno dell’organismo tramite integratori o bevande che lo contengono, ma è bene ricordare che non si deve superare i 1.000 mg al giorno. Vediamo nel dettaglio a cosa serve la taurina.

Taurina: a cosa serve

Ora che abbiamo visto cos’è la taurina, scopriamo a cosa serve. Questo acido aminoetansolfonico è una sostanza naturale che apporta dei grandi benefici all’orgranismo. Il nostro corpo la produce naturalmente, ma è possibile anche introdurla con integratori e bevande. Risulta fondamentale non superare i 1.000 mg al giorno: la taurina si trova nel documento el Ministero della Salute “Altri nutrienti e altre sostanze ad effetto nutritivo o fisiologico” e nello specifico nell’elenco “Sostanze con apporto massimo giornaliero definito“.

La taurina per via del suo effetto stimolante permette di migliorare le prestazioni fisiche e mentali. Per questo motivo la sostanza in questione è utile in caso di stress e di periodi molto intensi. In generale consente di migliorare l’energia e di rendere chi la utilizza più vitale e pieno di forze. Il suo impiego ritarda la stanchezza e permette di sentire meno la fatica. Di conseguenza viene molto sfruttata dagli atleti, ma anche da chi studia o lavora molto.

Per via delle sue proprietà antiossidanti, protegge anche le cellule dallo stress ossidativo e quindi le mantiene maggiormente in salute. Sembra anche che la taurina abbia un ottimo effetto nei confronti del sistema cardiovascolare. Assumere questa sostanza significa regalare al corpo delle proprietà anti-ipertensive e anti-colesterolo. Numerosi studi hanno evidenziato che la taurina è in grado di proteggere la retina da molti tipi di disturbi diversi, inoltre è anche in grado di migliorare la salute delle cellule epatiche.