Carla Bruni ci regala un sexy selfie in costume che svela gambe snelle e toniche, da urlo

·2 minuto per la lettura
Photo credit: ALBERTO PIZZOLI - Getty Images
Photo credit: ALBERTO PIZZOLI - Getty Images

Due volte mamma, moglie innamoratissima di Nicolas Sarkozy, cantautrice, ex modella, Carla Bruni è anche e soprattutto una donna dal fascino evergreen. Nata a Torino il 23 dicembre 1967, segno zodiacale Capricorno, Carla Bruni ha mostrato ai suoi follower la sua forma smagliante, nascondendo in una carrellata di foto di souvenir delle vacanze estive in famiglia un sexy selfie nel quale appare fasciata da un costume intero color malva, le gambe chilometriche, snelle e sode in primissimo piano. Fisico da urlo, a 53 anni non è certo da tutte sfoggiare una silhouette così ben disegnata. Ma Carla Bruni, si sa, è sempre stata una fuoriclasse. Spesso invidiata per questo, ma indubbiamente di una bellezza abbagliante.

Missione gambe wow, sognando quelle di Carla Bruni

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Alta un metro e 76, con misure da capogiro (86-61-89), Carla Bruni si dedicherà sì al mantenimento della propria forma fisica, ma la genetica è dalla sua parte. Per quello che riguarda la missione gambe snelle, sode, toniche, prive dei due inestetismi che più tormentano noi donne, ossia ritenzione idrica e cellulite, ecco alcuni consigli dell'esperto per arrivare dritte dritte all'obiettivo. Come ci spiega il dottor Carlo Borriello di Medical Beauty Spot, specialista in chirurgia maxillo-facciale e medicina estetica, "per modellare le gambe, contrastando la pelle a buccia d'arancia e i rotolini di adipe ostinato e migliorando la circolazione e lo skin tightening, consiglio di investire nel trattamento congiunto VenusLegacy e carbossiterapia. La prima metodica combina la radiofrequenza multipolare e i campi elettromagnetici pulsati con massaggio endodermico che, attraverso un movimento di aspirazione e suzione, stimola la circolazione e il drenaggio linfatico. Al contempo il rilascio di un'intensa fonte di calore applicata ai tessuti provoca una benefica reazione termica, stimolando la formazione di collagene, la proliferazione dei fibroblasti e la creazione di nuove fibre di elastina, a tutto vantaggio della compettezza dei tessuti trattati. Il tocco finale della carbossiterapia, con somministrazione di anidride carbonica per ossigenare in profondità, riduce lo stato infiammatorio della cellulite". E le gambe, seduta dopo seduta, si fanno sempre più leggere e toniche, con una pelle levigatissima tutta da accarezzare.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli