Carla Fracci torna alla Scala e ça va sans dire si tratta di due appuntamenti imperdibili

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

From ELLE

Agende alla mano, cerchio rosso sulle 19.00 del 28 e 29 gennaio. Perché domani e dopo, sul sito ufficiale, il canale youtube e il profilo facebook del Teatro alla Scala di Milano sono in programma due masterclass imperdibili tenute niente di meno che dalla Prima Ballerina assoluta (cit. New York Times). Carla Fracci torna nel tempio dei Piermarini per un doppio appuntamento dedicato al balletto Giselle che aprirà virtualmente la Stagione del balletto 2021 del Teatro meneghino (in tempi di coronavirus): "La cultura a casa tua" ed è un'occasione da cogliere al volo.

Photo credit: Santi Visalli - Getty Images
Photo credit: Santi Visalli - Getty Images

Carla Fracci e Giselle, un amore lungo trent'anni e oltre. L'étoile che tutto il mondo ci invidia (e vedremo molto presto in tv con il volto di Alessandra Mastronardi) ha portato il balletto scritto da Théophile Gautier e musicato da Adolphe-Charles Adam alla Scala in diverse occasioni dal 1958 al 1990 (indimenticabili i pas de deux con il grande Rudolf Nureyev) e oggi torna sul "luogo del delitto" per raccontarci retroscena, particolari e segreti. La Fracci, 84 anni e una carriera unica, ha accettato l'invito del direttore del corpo di ballo Michel Legris, e salirà in cattedra per parlare del balletto dei balletti con cui è entrata nella leggenda.

Al suo fianco in entrambe le masterclass in streaming dalla sala Cecchetti all’ottavo piano del Teatro, anche i protagonisti dello spettacolo, tra cui Martina Arduino e Claudio Coviello, Giselle e Albrecht, nel primo atto. "Finalmente sono tornata alla Scala dopo tanti anni", le parole di Carla Fracci sul suo attesissimo come back riportate da Il Corriere della Sera, "i ballerini mi hanno dedicato un applauso che mi ha commossa, non era di circostanza, ho sentito l’affetto profondo. Salire su quel palco, in questo momento così difficile, mi è sembrato incredibilmente normale. Come se nulla fosse cambiato. Come se io fossi sempre stata lì".

Il balletto che renderà omaggio alla grande artista Yvette Chauviré scomparsa nel 2016, (autrice della ripresa coreografica del balletto di Coralli-Perrot su musica di Adolphe Adam, entrato in repertorio alla Scala nel 1950 ndr), verrà registrato a porte chiuse, per poi essere trasmesso in streaming da Rai Cultura (www.raiplay.it, www.raicultura.it e www.teatroallascala.org), sabato 30 gennaio alle 20. Nell’intervallo fra il primo e il secondo atto, Fracci e Legris dialogheranno in video sintetizzando i temi snocciolati nelle masterclass. Giulietta, Cenerentola, Medea, Swanilda, Francesca da Rimini, sono più di duecento i personaggi interpretati dalla più grande ballerina italiana, ma tutti d'accordo: Giselle rimane il suo alter ego (forever and ever).