Re Carlo ascolta 15 minuti di cornamusa tutte le mattine appena sveglio


Re Carlo inizia sempre la giornata ascoltando la cornamusa. Ogni mattina alle 9 in punto un suonatore di cornamusa suona una selezione di canzoni sotto la finestra del monarca britannico 73enne, lo fa per 15 minuti, in qualunque delle residenze reali si trovi.
Il principale suonatore di cornamusa di Sua Maestà, Paul Burns, ha suonato per la prima volta nel giardino di Clarence House quando il re si è svegliato nella residenza martedì scorso.
Un video in cui viene suonata la musica è stato condiviso sull'account Twitter ufficiale della famiglia reale, accompagnato da questa didascalia: "Il principale suonatore di cornamusa di Sua Maestà ha suonato per la prima volta nel giardino di Clarence House questa mattina, quando il re si è svegliato nella residenza. Quel ruolo è stato creato dalla regina Vittoria nel 1843 e la regina Elisabetta ha goduto di questa tradizione dopo la sua ascesa al trono nel 1952".
Durante la vita della madre di Carlo, la defunta regina Elisabetta II, il suonatore di cornamusa suonava la cornamusa alle 9 del mattino per 15 minuti quando lei si trovava al Castello di Windsor, a Buckingham Palace, al Palazzo di Holyroodhouse o a Balmoral. Da quando la regina Vittoria, che era la trisavola di Elisabetta, ha creato il ruolo nel 1843, ci sono stati 17 suonatori di cornamusa.
L'esibizione mattutina è suddivisa in due sessioni di sette minuti ciascuna, con un minuto di pausa tra le due sessioni per permettere di regolare e accordare lo strumento tradizionale scozzese. Come parte del ruolo, il “Pipe Major” deve salutare le persone durante gli impegni ufficiali prima che vengano presentate al monarca. Il suonatore di cornamusa è un membro della famiglia reale e si reca ovunque si trovi il monarca, pur mantenendo un alloggio a Buckingham Palace.
Paul Burns ha suonato "Sleep, Dearie, Sleep" per celebrare il momento in cui la bara della regina Elisabetta ha lasciato l'Abbazia di Westminster alla fine del suo funerale il 19 settembre, prima che facesse il suo ultimo viaggio alla Cappella di San Giorgio al Castello di Windsor per essere sepolta.