Carote: i benefici per la pelle

·2 minuto per la lettura
carote
carote

Le carote sono un ortaggio molto apprezzato per via del suo sapore, ma in realtà sono anche un prodotto in grado di migliorare l’aspetto e la salute della pelle. In genere è molto conosciuta la sua capacità di rendere la pelle abbronzata per via della presenza di betacarotene, ma questo alimento possiede anche altre proprietà.

Carote per una pelle ambrata

Il betacarotene contenuto nelle carote è in grado di regalare enormi benefici alla pelle. Questi vegetali infatti risultano in grado di migliorare l’abbronzatura e di rendere più semplice il raggiungimento di un bel colorito ambrato durante l’estate.

Bisogna dire che mangiare carote non stimola l’abbronzatura come alcuni ritengono, ma piuttosto aiuta a conferire alla pelle un bel colorito uniforme e ambrato. Il betacarotene infatiti si deposita nella prte più profonda della pelle (ossia nel derma) e di conseguenza agisce sul colorito.

Carote per una pelle giovane

Le carote sono una verdura molto ricca di antiossidanti e di conseguenza risultano in grado di contrastare la formazione dei dannosi radicali liberi. Questi ultimi sono una delle principali cause dell’invecchiamendo cellulare e proprio per questo motivo le carote risultano in grado di contrastare l’invecchiamento della pelle.

Questa verdura è ricca anche di Vitamina A e di conseguenza risulta capace anche di aiutare la pelle a rigenerarsi in maniera naturale.

Carote per mantenere la pelle liscia

Tra i benefici delle carote c’è anche quello di aiutare a mantenere la pelle liscia e idratata. Consumare queste verdura regolarmente permette di mantenere la cute anche più soda e inoltre previene anche le malattie. Secondo uno studio recente infatti è in grado di prevenire i tumori alla pelle.

Per avere una pelle vellutata è quindi suggerito consumare le carote un paio di volta alla settimana. Si possono gustare in vari modi, infatti questo beneficio resta valido sia nel caso di consumo a crudo, sia nel caso di consumo previa cottura.