Casellati contro il governo: “Italiani non sanno ancora come comportarsi per Natale”

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

“Le famiglie non sanno ad oggi se, quando e con chi poter trascorrere Natale. È incomprensibile che gli italiani non sappiano come comportarsi. Regole anche ferree, ma certe, perché è inimmaginabile che ci si trovi all'ultimo momento”. Lo ha detto il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, durante il consueto scambio di auguri per le festività natalizie con la stampa parlamentare.

Casellati ha manifestato la propria preoccupazione per i troppi "ritardi nella riorganizzazione sanitaria". Secondo il presidente del Senato, che riporta lo sguardo a dieci mesi fa, “sono errori che non possiamo permetterci di ripetere rispetto alla grande sfida che tutti attendiamo dalla distribuzione dei vaccini anti-CoVid - ha rimarcato la seconda carica dello Stato -. Altri Paesi sono già operativi, mentre l'Italia ha ancora difficoltà sui vaccini anti-influenzali. In tanti settori, non solo nella sanità, l'incertezza con cui il Paese si muove è ciò che preoccupa di più i cittadini".

GUARDA ANCHE: Il video-messaggio di Fico e Casellati alle "generazioni Covid"

Casellati si è soffermata poi sulla crisi economica, che va a penalizzare la fascia di popolazione più fragile. "Non può poi essere sottovalutato il rischio di un disagio sociale fuori controllo". Per questo motivo bisogna tutelare le fasce più deboli della popolazione, altrimenti "sarà la criminalità organizzata a fungere da banca e da ufficio di collocamento".

Per il presidente non è solo importante evitare che le disuguaglianze si acuiscano, ma è fondamentale accedere rapidamente e in modo strategico alle risorse del Recovery Fund. "Il Parlamento deve tornare ad essere centro reale per la definizione delle scelte programmatiche e legislative. Non credo che nessuna cabina di regia o nessun gruppo di esperti possa sostituirsi alle necessarie decisioni del Parlamento", ha spiegato davanti ai cronisti in Sala Koch.

In quest'ottica servirebbe però un maggior dialogo tra maggioranza e opposizione che "ad oggi, non ha dato grandi frutti".

GUARDA ANCHE: Casellati: disabili tra le vittime dimenticate della pandemia