Celentano: "Paura ultima ancora di salvezza ma tanti sfidano il virus"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Non è affatto impensabile che un giorno si possa ritornare ad abbracciarci. Ridere. Ballare e cantare. Basterebbe solo un po’ di severa attenzione... altrimenti... Non voglio nemmeno immaginare cosa potrebbe accaderci... Ora come ora, come stanno andando le cose, la paura purtroppo rimane l’unica ancora di salvezza e invece vedo che sono ancora tanti quelli che sfidano il virus. Qualcuno addirittura dice che non ci si contagia nemmeno se ci baciano in bocca con la lingua, però avverte: non più di un quarto d’ora perché poi c’è il rischio di ammalarsi”. Lo dice Adriano Celentano che in un nuovo video pubblicato su Instagram fa una dedica ai giovani volontari di Somaglia, un comune del lodigiano, che, in difesa dell’ambiente, si sono uniti ed hanno ripulito il territorio dai rifiuti abbandonati nel verde e lungo le strade. Non manca una considerazione sui negazionisti del virus e il ricordo di chi ci ha recentemente lasciati: Gigi Proietti, Paolo Rossi, Maradona e Little Richard.

Il video inizia con la dedica: “Nel cuore dell’uomo si è spento il fuoco della purezza e i bravi ragazzi lo stanno riaccendendo”. Poi, in una carrellata di drammatici frame con immagini dei ricoveri ospedalieri contrapposte a quelle delle manifestazioni dei negazionisti del virus. Nella clip anche un ricordo di chi recentemente ci ha lasciato: dall’immenso Gigi Proietti, ritratto in un momento televisivo che li vide insieme in un programma, così come al grande Paolo Rossi e poi rivolgendosi ai napoletani che sfidando il virus, hanno festeggiano l’arrivo del più grande in Paradiso: Maradona, scrive: “E lui...per questa volta...li proteggerà”. Il video si chiude con le immagini tributo a Little Richard in una sua performance di Lucille.