Cereali integrali: un consumo quotidiano può ridurre il rischio di infarto

·1 minuto per la lettura

Consumare pane integrale e porridge nella dieta quotidiana può ridurre il rischio di infarto o ictus.

Lo afferma un nuovo studio promosso dai ricercatori della Tufts University di Boston, nel Massachusetts.

Gli studiosi hanno scoperto che mangiare tre porzioni di cereali integrali ogni giorno rallenta l'insorgenza della senilità, oltre a mantenere bassa la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue.

Lo studio, pubblicato online sul Journal of Nutrition, ha esaminato oltre 3.100 candidati.

Le persone che hanno assunto meno cereali integrali hanno visto lievitare la circonferenza vita di 3 cm ogni quattro anni, più del doppio rispetto alle persone che hanno mangiato tre porzioni giornaliere.

Le porzioni comuni di cereali integrali includono una fetta di pane integrale, mezza tazza di fiocchi d'avena o mezza tazza di riso integrale.

I cereali integrali contengono uno strato esterno ricco di fibre, mentre lo strato germinale interno contiene vitamine del gruppo B, antiossidanti e piccole quantità di grassi sani. I nutrienti nella crusca e nel germe vengono persi attraverso la macinazione, lasciando dietro di sé solo chicchi raffinati ricchi di amido.

La dottoressa Nicola McKeown della Tufts University, autrice senior del rapporto, ha affermato che la gestione del peso, della glicemia e della pressione sanguigna con l'avanzare dell'età può aiutare a proteggere dalle malattie cardiache.

Ha raccomandato piccoli cambiamenti per passare dai cereali raffinati ai cereali integrali nel consumo alimentare quotidiano.

«Piccoli cambiamenti incrementali nella dieta per aumentare l'assunzione di cereali integrali faranno la differenza nel tempo».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli