Chanel non ha dubbi, i fiori tra i capelli saranno la nostra promessa d'amore eterno alla bella stagione

Di Francesca Scrimizzi
·2 minuto per la lettura
Photo credit: COURTESY PHOTO
Photo credit: COURTESY PHOTO

From Cosmopolitan

Suonano le campane a festa sulla passerella dedicata alla sfilata Chanel Haute Couture primavera estate 2021 a Parigi, tra acconciature semplici e grandi fiori tra i capelli. Rue Cambon si trasforma in un open space contornato da petali di rosa e illuminato da una calda luce primaverile che fa risplendere le paillettes sulle ampie gonne svasate e mette in primo piano i volti delle ospiti centellinate tra cui la nuova musa Charlotte Casiraghi, Vanessa Paradis, Lily-Rose Depp, Marion Cotillard, Penelope Cruz.

Photo credit: COURTESY PHOTO
Photo credit: COURTESY PHOTO

Tra contrasti bianco neri e una musica che improvvisamente diventa pop ricoprendo di colore la passerella, la celebrazione del matrimonio bohémien di Chanel prende vita passo dopo passo sotto l'attenta guida del direttore creativo Virginie Viard che ha voluto portare le atmosfere della Francia del Sud al Grand Palais parigino. Sfilano la madre della sposa, le amiche, abiti in pizzo, completi garçonne, la stessa sposa in sella ad un cavallo bianco accompagnata dal suo compagno di vita. E se l'allure sognante sembra essere stata cucita con ago e filo su ogni abito drappeggiato, non sono da meno le acconciature firmate Damien Boissinot e gli accessori di questa sfilata Chanel Haute Couture destinata a rimanere nei nostri ricordi.

Photo credit: COURTESY PHOTO
Photo credit: COURTESY PHOTO

Si susseguono caschetti con taglio vivo, pixie androgini, lunghe chiome effetto sleek raccolte in code di cavallo basse e perfettamente lisce, in forte contrasto con i boccoli liberi visti da Métiers d'Art di dicembre, il tutto contornato saltuariamente da corone di fiori ton sur ton che si posano su rige centrali e precise. Da quelle più delicate e sottili viste su Rebecca Longendyke che ha aperto la sfilata ai diametri più grandi ed eccentrici, la sfilata Chanel lo dice forte e chiaro: la bella stagione sarà all'insegna degli accessori floreali, in un amarcord che si lega a doppio nodo alla stagione dei festival che non vivremo e alle atmosfere hippie che celebravano la libertà che ora ci manca più di sempre, in una celebrazione profumata e colorata che farà bene (anche) al cuore.