Charlotte Gainsbourg + mamma Jane Birkin + figlio Ben Attal sulla Croisette, Cannes può finire qui

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Lionel Hahn - Getty Images
Photo credit: Lionel Hahn - Getty Images

Jane Birkin è un habitué del Festival di Cannes, la Croisette è la sua casa da prima ancora che avesse un tappeto rosso, quando le foto arrivavano giorni dopo ed erano (très chic) in bianco e nero. Eppure, quest'anno la sua partecipazione alla kermesse è speciale: per la prima volta l'icona glam dei 60s ha calcato il red carpet in compagnia della figlia, Charlotte Gainsbourg. Un trionfo di stile, grazia, eleganza e della quintessenza del celebre stile parigino di cui entrambe sono state/sono/saranno portatrici sane. A sostenere le sue donne, Ben Attal, il figlio 24enne di Charlotte e Yvan Attal (proprio come lo scorso weekend ha fatto il piccolo Raphaël Elmaleh con mamma CC e nonna Carolina). Un family affair di tutto rispetto.

Photo credit: Lionel Hahn - Getty Images
Photo credit: Lionel Hahn - Getty Images

Splendide Jane e Charlotte, sempre e comunque à la page e fedelissime al loro personale senso dello stile. Per mamma e figlia due look mannish ma sensuali e femminili all'ennesima potenza: per la musa ed ex compagna di Serge Gainsbourg pantaloni neri da smoking, un blazer di velluto e una camicetta avorio con volant. Mise in pendant per la figlia che ha indossato un mini blazer e un gilet da smoking (senza camicia) sempre su pantaloni neri. Look total black anche per Ben Attal, astro nascente del cinema francese che è arrivato sul red carpet con le sorelle Alice Jane, 19 anni (fotocopia di mamma) con un minidress sottoveste nero e la piccola di casa Joe, 10 anni, unica ad osare con un completo bianco (tutti e tre sono figli di Charlotte Gainsbourg e del compagno Yvan a cui è legata da 30 anni).

Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images
Photo credit: Daniele Venturelli - Getty Images

Mamma e figlia sono a Cannes 74 per la presentazione del documentario Jane by Charlotte, debutto alla regia della Gainsbourg: un ritratto fuori dagli schemi dell'icona dello charme à la française, un lungometraggio in cui viene raccontata Jane Birkin come non è mai stato fatto, proprio perché lo storytelling è veicolato dalla figlia, un progetto nato come "una scusa per avvicinarmi a lei, per guardarla, per prendermi del tempo con lei", come aveva spiegato Charlotte lo scorso dicembre a Elle France. Un docufilm in cui le due si aprono sulle loro ansie, i sensi di colpa e l'amore reciproco. "L’ho fatto per me, in maniera egoista, per il mio piacere, l’ho guardata come mai avevo osato prima, volevo raccontarla con lo sguardo di una figlia", ha detto Charlotte a Il Corriere della sera, "ognuno ha un’immagine di mia madre da giovane, io non volevo riprodurre quella stereotipata, ma raccontarla com’è oggi". Charlotte Gainsbourg + mamma Jane Birkin + figlio Ben Attal sulla Croisette, e Cannes (forse) può finire qui.

Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli