Che cinema farà al Lido #5 - L'Alba (Rohrwacher) luminosa sogna un futuro da supereoina

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Gianmarco Chieregato
Photo credit: Gianmarco Chieregato

Si tocca i capelli, sistema il cerchietto, sussurra al pavone che troneggia in mezzo alla stanza, convitato di pietra, anzi di piume, al pranzo per il compleanno della nonna Dominique Sanda, nella luminosa casa sul lungomare. Alba Rohrwacher è Adelina, la moglie e mamma imperfetta nel delicato Il paradiso del pavone di Laura Bispuri, l’unico film italiano a concorrere nella sezione Orizzonti.

Infragilita da una qualche smemoratezza mentale, un lontano burn out, Adelina è l’inadeguatezza fatta persona, sbaglia i colori, sbaglia i regali, però con gentilezza, e percepisce ogni piccolo spavento. E poi c’è il pavone, un animale domestico fuori luogo, «sintesi simbolica di ogni bellezza e vanità umana», dice Laura Bispuri, eppure Adelina lo ama e lo impone. Un film su personaggi, parenti, che non sanno ascoltarsi. Dice Rohrwacher che «è un po’ così anche nella vita, anche se faccio ridere e rido, lo spazio della fragilità è quello in cui gli autori mi vedono e collocano, succede anche con la mia partecipazione al film di Maggie Gyllehnaal, The Lost Daughter».

Con Laura Bispuri «è sintonia perfetta, in Vergine giurata sono stata la ragazza albanese che deve farsi uomo per essere libera, in Figlia mia ero una madre vulcanica, e infine impaurita in Il paradiso del pavone. Tre personaggi femminili magnifici». «Stavolta», ha dichiarato Laura Bispuri, «le ho chiesto di tirare fuori il suo lato comico, ha momenti struggenti ma anche ironici».

A Venezia Alba trascorre giornate relax a fianco del compagno giurato Saverio Costanzo, ha appena finito il primo lungometraggio diretto da Jasmine Trinca e attende la cruciale uscita del film di Nanni Moretti, Tre piani, dove è Monica, un’altra donna ai bordi del disagio, bellissimo ruolo, «un grande maestro». Infine, sì, lo confessa, «sogno una cosa alla Marvel, una supereroina, tanto per cambiare». E l’attrice più amata dai grandi autori, i più sofisticati, ride, lei stessa incredula per tanta audacia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli