In che modo gestire i bambini dopo il divorzio?

·3 minuto per la lettura
figli di genitori divorziati
figli di genitori divorziati

Non tutte le separazioni sono uguali. Quando ci sono di mezzo dei bambini, però, è sempre importante mantenere una buona dose di umiltà e mettersi in gioco. I figli, in tale contesto di cambiamento e sofferenza, dovrebbero essere lasciati liberi di esprimere le emozioni e al contempo essere guidati da un progetto educativo comune a papà e mamma. Come gestire i figli da separati? I consigli migliori e gli errori da non fare.

Come gestire i figli da separati

Quella dei genitori separati, si sa, è una vita difficile. Ci sono momenti in cui ci si sente così svuotati e demotivati da non avere più energie da dedicare ai figli. Alle difficoltà pratiche, poi, si aggiunge il senso di solitudine e abbandono e, molto spesso, permane un sentimento di rancore verso l’ex. che sfocia in conflitti e battibecchi. Questa situazione diventa ancora più delicata, dal momento in cui i bambini sono i soggetti più vulnerabili. I più piccoli, infatti, devono essere assolutamente tutelati e messi al primo posto sempre e comunque.

Come gestire i figli da separati cercando di ridurre gli effetti piscologici del divorzio? Scopriamolo insieme.

Mantenere il dialogo

La separazione mette sempre a dura prova le capacità di dialogo dei genitori. La qualità della gestione della relazione tra mamma e papà, prima e dopo la separazione, è un fattore che determina adattamenti emotivi e cognitivi. Soprattutto all’inizio, la difficoltà nel dialogare e comunicare è evidente. Per il bene dei più piccoli, però, è necessario comunicare almeno relativamente alle questioni pratiche.

Compiere insieme le scelte

L’aspetto relativo alle decisioni che si prendono nei confronti del bambino è molto importante. Infatti, è indispensabile compiere insieme le scelte importanti. In ogni caso, entrambi i genitori devono sempre reciprocamente informarsi in tempo utile, e non essere informati da altri, circa le questioni che più interessano la crescita dei figli.

Gestire bene il distacco

Senza dubbio, il distacco è il momento di maggior dolore durante la separazione e il divorzio. Per il bene dei bambini, è importante che il loro passaggio da un genitore all’altro sia regolato chiaramente, che non si presentino costanti cambiamenti nei turni di responsabilità.

Essere presenti

Il genitore che lascia la casa dove la famiglia ha sempre vissuto dovrebbe essere scrupolosamente presente nella vita dei bambini anche con brevi telefonate, soprattutto subito dopo il divorzio. Risulta importante capire la fragilità dei bambini e rassicurarli della presenza di mamma e papà.

Non accelerare i tempi

I nuovi partner sono sempre un argomento molto difficile da affrontare. Nonostante ciò, esistono delle accortezze che possono rendere più facile l’introduzione del nuovo partner. Per mettere delle basi concrete e durature, è molto importante non compiere azioni azzardate e soprattutto non accelerare i tempi. Le fasi della presentazione, conoscenza e frequentazione non vanno saltate né mescolate. Inevitabilmente non mancheranno un po’ di confusione, attriti e incertezze, ma è necessario avere pazienza per definire i ruoli e le regole.

Festeggiare insieme

In caso di occasioni importanti e festività, il principio guida deve essere la serenità dei figli, ma senza mettere da parte la propria. In linea di massima, è opportuno essere presenti agli eventi importanti che vedono i figli in qualche modo protagonisti. Per esempio, il compleanno è una ricorrenza importante per il figlio poiché ciò che si festeggia è la sua esistenza, e quindi la presenza di entrambi i genitori non può che essere motivo di felicità e serenità.