In che senso Charlène di Monaco si vede come “la protettrice degli eredi e non come la principessa”?

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images
Photo credit: Stephane Cardinale - Corbis - Getty Images

È dalla vigilia del matrimonio tra Alberto e Charlène di Monaco, ma forse anche prima, che si parla di crisi/ripensamenti/fughe/principessa triste. Chiacchiere tenute a bada da 10 anni, smentite da foto e virgolettati, ma che da sei mesi a questa parte non riescono ad essere infiliate sotto al letto (di Palazzo Grimaldi). Perché la principessa è in Sudafrica lontana da Montecarlo, dal marito e dai bambini, i suoi amatissimi gemelli Jacques e Gabriella, e le indiscrezioni e i rumors sulla sua volontà di divorziare proliferano, proprio come i punti di domanda sulle sue reali condizioni di salute (a causa di una grave infezione otorinolaringoiatrica è stata operata per tre volte e rimarrà nel suo Paese almeno fino a fine ottobre ndr). A parlare oggi è un’amica di Charlene secondo cui la Wittstock si vedrebbe come "la protettrice degli eredi e non come la principessa di Monaco". Sarebbe?

Secondo la fonte intervistata da People, Charlène si sarebbe sentita pienamente integrata nella famiglia reale solo dopo la nascita dei suoi figli, che ora hanno 6 anni. Il ruolo di madre dei due eredi al trono, dunque, sarebbe la sua più grande gioia e la veste con cui ama identificarsi, molto più di quella di principessa, titolo acquisito con le nozze con Alberto. "Il loro arrivo le ha dato un determinato status e una certa sicurezza", le parole dell'insider, "la più grande forza di Charlene è nel suo essere madre. È incredibilmente coinvolta e protettiva in un modo molto amorevole e premuroso. Si ritira da certe attività per stare con loro e far sì che vivano una vita semi-normale".

Un legame strettissimo sotto gli occhi di tutti oggi messo a dura prova da una lontananza necessaria ma che non può che essere dolorosa per entrambe le parti. "Non vedo l'ora che torni Charlene perché fa parte della mia vita, della nostra vita e di quella di Monaco", la dichiarazione di Alberto sempre a People in merito all'"esilio" della moglie dall'altra parte del globo, "non vedo l'ora che lei mi aiuti con i bambini e molte altre cose, come è sempre stato, perché è un lavoro di squadra". Charléne ha riabbracciato i i figli a fine agosto ma non ha potuto accompagnarli a scuola lo scorso 6 settembre, e molto probabilmente potrà rivederli tra un mese se non più in là. La principessa è lontana da Montecarlo, ma Montecarlo continua a pensare a lei (e viceversa?). Di pochi giorni fa la notizia che le è stato conferito un nuovo importante incarico a corte: secondo il quotidiano regionale Monaco-Matin la 43enne assumerà il ruolo di Vice Presidente della Croce Rossa per almeno tre anni. Un mandato importante ma mai come quello di essere "la protettrice" di Jacques e Gabriella.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli