Chi è Charles de Vilmorin, enfant prodige e nuovo direttore creativo di Rochas (a soli 24 anni)

Di Federica Caiazzo
·4 minuto per la lettura
Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images
Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images

From ELLE

Si chiama Charles de Vilmorin, ha solo 24 anni ed è appena stato nominato nuovo direttore creativo di Rochas. Il suo nome però, già risuona familiare ai più: meno di un mese fa, de Vilmorin ha debuttato nel calendario Haute Couture della settimana della moda di Parigi presentando la prima collezione della sua omonima casa di moda. L’esordio alla guida di maison Rochas – con cui verrà ufficialmente sancito il passaggio di testimone dal precedente Direttore Creativo Alessandro Dall’acqua - è previsto con la presentazione della collezione moda prêt-à-porter Primavera Estate 2022.

A commentare per primo con wwd.com la nomina ufficiale di Charles de Vilmorin direttore creativo di Rochas è stato Philippe Benacin, Chairman e Chief Executive Officer del gruppo Interparfums SA di cui la maison francese fa parte. “Audacia, eleganza, stile timeless e originalità costituiscono le fondamenta dell’heritage di Rochas – ha affermato Philippe Benacin. – Questi sono inoltre i valori che definiscono il lavoro di Charles de Vilmorin, creando così una perfetta sinergia tra i nostri due mondi. La giovinezza di Charles, così come il suo talento e quel tocco di ribellione che lo caratterizza, offriranno a Rochas una nuova vita negli anni a venire. Siamo lieti che Charles sia parte nella nuova era del nostro marchio”.

In questi due mondi citati da Philippe Benacin si inserisce poi anche lo storico legame che ha inevitabilmente tessuto le trame di due famiglie che, dal tempo dei tempi, hanno percorso insieme un capitolo di vita vissuta: la prozia di Charles de Vilmorin, nonché la scrittrice francese Louise de Vilmorin fu infatti amica di Hélène Rochas. Vedova di Marcel, fondatore dell’omonimo brand, wwd.com celebra Hélène come colei che guidò l’espansione internazionale del profumo Rochas dopo la morte del marito. Di questa profonda connessione che ha legato le sue origini al suo destino (prima ancora che ne venisse a conoscenza), Charles de Vilmorin è vivamente grato: “Rochas è un marchio che conserva un posto speciale nel mio cuore, proprio in virtù dei profondi legami familiari e del suo stesso heritage, che trovo essere di grande ricchezza e ispirazione – ha affermato il designer. Non vedo l’ora di poter contribuire con il mio tocco personale e reinterpretare i codici di questa meravigliosa casa di moda”.

Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images
Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images

Laureatosi presso l’Ecole de la Chambre Syndicale de la Couture Parisienne nel 2019, Charles de Vilmorin guiderà Rochas dopo Alessandro Dall’Acqua, la cui ultima sfilata si è tenuta lo scorso febbraio 2020. Precedentemente, la maison francese è stata guidata da Marco Zanini dal 2008 al 2014 e da Olivier Theyskens dal 2002 al 2006, prima che la casa di moda prendesse una momentanea pausa dal fermento creativo. Ma a rendere la notizia ancor più esclusiva non è solo il ritorno alle radici (francesi) dopo aver avuto al timone due grandi nomi italiani: Charles de Vilmorin ha infatti solo 24 anni, un’età che innesca una riflessione su quanto sia cruciale la fiducia nel talento delle menti giovani e innovative come la sua.

Presentatosi nel calendario della fashion week di Parigi di gennaio 2021, de Vilmorin ha dimostrato con la sua collezione Haute Couture Primavera 2021 di essere in grado di cantare fuori dal coro con proporzioni portate agli estremi, colori vibranti e ispirazioni sui generis che hanno riscritto – del tutto, e da capo – i codici estetici dell’alta moda. Non a caso, de Vilmorin continuerà a portare avanti il lavoro della sua omonima casa di moda mentre la sua matita firmerà le collezioni prêt-à-porter di un nuovo capitolo in casa Rochas.

Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images
Photo credit: STEPHANE DE SAKUTIN - Getty Images

Ancor prima dell’appuntamento con l’Alta Moda a Parigi, de Vilmorin è stato selezionato da Alessandro Michele – direttore creativo di Gucci – come uno dei 15 giovani designer indipendenti che hanno partecipato al GucciFest lo scorso novembre. La sua giovane età lo rende infatti uno dei nomi di punta del fashion system odierno: a soli 24 anni, Charles de Vilmorin segna il record degli enfant prodige della moda del 2021. Come lui, si pensi a Nicholas Ghesquière alla guida di Balenciaga a soli 25 anni (era il 1997) o a Demna Gvasalia che a 28 anni divenne direttore creativo di Maison Martin Margiela. Più di lui, ci fu Karl Lagerfeld: a 24 anni, divenne Direttore Creativo di Jean Patou, per poi approdare – alla veneranda età di circa 50 anni – alla maison Chanel, dove sarebbe rimasto fino al giorno della sua morte.

Con Charles de Vilmorin, non parliamo dunque di couturier quali il grande Valentino Garavani, Maestro d’eccellenza nato e cresciuto nella casa di moda da lui fondata. Bensì, di un giovane designer cresciuto in un’era e un ambiente ancor più competitivo e che è riuscito nell’impresa di distinguirsi – rapidamente – fino a diventare pedina nel gioco dei più prestigiosi cambi di poltrona. Charles de Vilmorin ci è riuscito presto. Ancor prima di un giovane Tom Ford che divenne Direttore Creativo di Gucci a 33 anni, o di un Hedi Slimane che a 32 anni prese il timone di Dior Homme. “Questo è un sogno che si avvera – commenta il giovane enfant prodige. - È ciò che ho sempre voluto farlo e mi sento mentalmente preparato per tutto questo”.