Chi è Gennaro Sangiuliano, il ministro della Cultura del governo Meloni

Gennaro Sangiuliano nasce a Napoli il 6 giugno 1962. Dopo il diploma al liceo Classico “Pansini” del capoluogo campano si laurea in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Prosegue la formazione conseguendo un master in Diritto privato europeo presso la Sapienza di Roma e un dottorato di ricerca in Diritto ed Economia ancora una volta nella città partenopea. Insegna in diverse università e dal 2015 è direttore della scuola di Giornalismo dell'Università degli Studi di Salerno e docente del Master in Giornalismo e Comunicazione dell'Università telematica "Pegaso". Entra nel panorama politico fin da giovanissimo, facendo parte del Fronte della Gioventù. Dal 1983 al 1987, poi, è consigliere circoscrizionale del Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale nel quartiere Soccavo di Napoli. Lavora anche come giornalista presso un canale televisivo locale, dirigendo l’Opinione del Mezzogiorno ed entrando nella redazione di Economy. In collaborazione con lo storico caporedattore de Il Mattino, Ciro Paglia, Sangiuliano pubblica il volume "Il paradiso: viaggio nel profondo nord". Dal ‘96 al 2001 è direttore del quotidiano Roma di Napoli. Per i primi dieci anni del 2000 lavora in diverse testate tra cui L’Espresso, Libero e Il Foglio e nello stesso periodo inizia a lavorare come inviato in Rai per il TGR. Dal 2009 al 2018 è vicedirettore del TG1, mentre dal 31 ottobre 2018 al 21 ottobre 2022 dirige il TG2. Sangiuliano lascia l’incarico a seguito della nomina a ministro della cultura nel governo Meloni. Nel 2018 sposa la giornalista Federica Corsini.