Chi era il principe Filippo

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Nato sull'isola greca di Corfù il 10 giugno del 1921, dopo aver assunto la cittadinanza britannica Filippo adottò il cognome Mountbatten, versione anglicizzata del cognome materno, Battemberg. Era il 28 febbraio 1947, quando il futuro duca di Edimburgo divenne un suddito britannico, rinunciando al suo diritto al trono greco e danese e prendendo appunto il cognome di sua madre, per poter sposare la sua lontana cugina Elisabetta.

LEGGI ANCHE: Gran Bretagna in lutto, è morto il principe Filippo

Durante la Seconda Guerra Mondiale prestò servizio nella Royal Navy, ma dovette rinunciare alla carriera militare dopo il fidanzamento con Elisabetta, conosciuta nel 1939. Nel 2011, in occasione del suo novantesimo compleanno, la regina gli concesse tuttavia il titolo di Lord High Admiral.

SFOGLIA LA GALLERY: È morto il Principe Filippo, le foto della famiglia Reale

Il matrimonio con l'allora erede al trono d'Inghilterra venne celebrato il 20 novembre del 1947; cinque anni dopo toccò a lui informare la moglie, nel corso di una visita in Kenya, della morte di Giorgio VI e quindi dell'ascesa al trono. Inizialmente semplice consorte - seppure di sangue reale sia da parte di padre che di madre - Filippo venne nominato Principe del Regno Unito nel 1957.

Il suo ruolo istituzionale tuttavia è consistito sempre nel sostenere la moglie, che mai gli ha delegato compiti istituzionali in decenni di grandi cambiamenti sociali e difficoltà sia per il Paese che per la stessa Corona.

LEGGI ANCHE: L’infanzia (non facile) del principe Carlo, che poteva vedere sua mamma solo per 15 minuti la sera 

D'altronde, quando ha Filippo ha avuto l'occasione di fare di propria iniziativa, non ha mancato di causare qualche imbarazzo alla Corona: il Principe consorte era noto soprattutto per le sue esternazioni poco ortodosse, tanto che alcuni anni fa ne è stato tratto un libro intitolato "The Duke of Hazard: the wit and wisdom of Prince Philip": cento pagine che ne raccolgono il fior fiore delle "gaffe" mediatiche, spesso politically-incorrect.