Chiara che tiri il latte sul set sei tutte noi! E grazie per normalizzare un gesto ancora tabù

Di Elisabetta Moro
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Christian Vierig - Getty Images
Photo credit: Christian Vierig - Getty Images

"Ma insomma, un po' di intimità", "Questa foto potevi anche risparmiartela", "Ma perché non la allatti al seno?". Puntuali come un orologio svizzero sono arrivati commenti del genere sotto la foto di Chiara Ferragni che si tira il latte mentre lavora sul set a conferma del fatto che normalizzare la vita di una neo mamma è ancora più che mai necessario. Già, perché, se così non fosse, le persone smetterebbero di stupirsi di un gesto così naturale, non lo troverebbero "sconveniente" o "troppo intimo" per essere mostrato, saprebbero che per poter continuare a lavorare quando si ha un bambino molto piccolo certe soluzioni sono necessarie. E invece la nostra influencer del cuore ha addirittura pubblicato delle stories per chiedere ai suoi 23 milioni di follower se davvero trovassero "strana" una foto con il tiralatte perché, nel 2021, sarebbe anche ora di finirla.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

È già passato un mese dalla nascita di baby V e da allora i profili dei Ferragnez si sono trasformati in uno spaccato di vita familiare con tutte le problematiche annesse e connesse all'arrivo di un bebè e tanta Instagram verità: Leo che tiene il broncio scoprendo di non essere più figlio unico, Fedez che nelle sue stories parla di quanto sia doloroso allattare, Chiara che parla della sua vita quotidiana come neomamma bis. Eppure, ancora una volta, ciò che succede nella casa più seguita di Instagram diventa un termometro di ciò che pensano molti italiani. E così ecco le mille polemiche sulle scelte di Chiara: "Ti alleni dopo così poco tempo?", "Perché la allatti?", "Perché non la allatti?", "Perché vai già al lavoro?". L'impertinenza di certi follower ha spinto addirittura Fedez a specificare che ogni mamma sceglie ciò che è meglio per sé e per il proprio bambino e che i giudizi di chi non ne sa nulla servono solo a farla sentire inadeguata.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Una donna dovrebbe sentirsi libera di allattare o meno senza sentirsi colpevole o sbagliata in un momento così delicato come la post-gravidanza", ha commentato Fedez dopo l'ennesima critica alla moglie. C'era bisogno di specificarlo? Evidentemente sì. Per molti l'allattamento è ancora un argomento "controverso", per altri addirittura qualcosa che non si può mostrare in pubblico per "pudore". C'è chi lo vede come un momento "sacro" della mamma con il suo bambino contribuendo a romanticizzare e edulcorare un'esperienza che invece è ben lungi dall'essere sempre e solo rose e fiori. Per non parlare poi dell'idea che una donna, una volta partorito, debba dedicare ogni istante della sua vita al proprio figlio. Tra i commenti alle foto di Chiara, infatti, spiccano quelle di diverse follower che la accusano di essere una cattiva madre perché si dedica "troppo" al suo lavoro. Ecco perché dire le cose come stanno e mostrarsi senza troppi fronzoli è utile per tutte le future mamme e anche per le donne che in questo momento si sentono inadeguate nel vivere la maternità per come ci è stata raccontata. Dobbiamo normalizzare l'allattamento e i corpi e le scelte delle donne (e pure darci un bel taglio con il mom shaming). Chiara Ferragni in questo sta contribuendo parecchio e noi non possiamo che dirle semplicemente: "Grazie".