Chiara Francini mamma? ‘Ho paura di non sopportare mio figlio’


Chiara Francini, intervistata dal settimanale “Oggi”, ha rivelato di stare pensando di avere un figlio con il compagno Frederik Lundqvist.
La coppia è legata sentimentalmente da 16 anni.
Ha dichiarato: “In questo momento penso a un figlio, che Fredrik desidera molto. E mi chiedo: quand’è che si è pronte a essere madri? Io se avessi 35 anni non mi porrei la questione, ma ne ho 42, me lo impone il corpo. E se poi io mi decido e lui mi fa una pernacchia?”.
L’artista Toscana ha poi ammesso di avere paura di diventare madre.
“Non lo so se lo voglio davvero, un figlio. Non credo alle donne che si dicono sicure di volerne, non ci credo che non abbiano paura come me di essere madri di me*da”, ha proseguito.
“E poi mio figlio nascerebbe ricco e io i bambini ricchi non li sopporto. Come faccio a digerire l’eventualità di non sopportare mio figlio? Sarei in grado di non essere uno di quei genitori che spacciano per libertà lasciata ai figli l’abdicazione al proprio ruolo di guida? Un genitore ti ama, per forza. La differenza la fa quello che è in grado di fare per renderti felice. E io mica lo so se sono capace”, ha sottolineato.
Chiara però ha poi tenuto a precisare: “Ci provo ma sarà il mio corpo a decidere. E anche un po’ di fortuna: altro che darla ai produttori, dopo 16 anni insieme ‘un la do più neanche al mi’ fidanzato. Leggo di coppie di lungo corso che copulano come ricci. Ci credo eh, ma diciamo che noi siamo diversi, ci capita meno spesso”.
Quando le è stato chiesto come mai dopo una relazione così lunga non si sia ancora sposata, Chiara ha risposto: “Frederick è l’uomo migliore che abbia incontrato, ci corrispondiamo, non abbiamo bisogno di sposarci. Ecco, il matrimonio è un po’ l’applauso che si fa a un amore e io gli applausi non li so prendere”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli