Ciò che vedremo nei nuovi episodi della fiction Rai

·2 minuto per la lettura
il-commissiario-ricciardi-anticipazioni-seconda-puntata
il-commissiario-ricciardi-anticipazioni-seconda-puntata

La seconda puntata de Il commissario Ricciardi andrà in onda lunedì 1° febbraio, ecco tutte le anticipazioni della fiction di Raiuno.

Il commissario Ricciardi, anticipazioni seconda puntata

Grande successo per la nuova fiction targata Rai, Il commissario Ricciardi, con protagonista Lino Guanciale nei panni del commissario di polizia Luigi Alfredo Ricciardi. La serie è tratta dagli omonimi romanzi dello scrittore Maurizio De Giovanni, già autore, tra gli altri, si altre due fiction di successo Rai: I bastardi di Pizzofalcone e Mina Settembre.

La seconda puntata de Il commissario Ricciardi andrà in onda in prima serata lunedì 1° febbraio. Il titolo del nuovo episodio si intitolerà La condanna del sangue, tratto dal romanzo di De Giovanni dal titolo La condanna del sangue – La primavera del commissario Ricciardi. Ecco qualche anticipazione del secondo appuntamento con la fiction.

Nella Napoli degli anni ’30, il commissario Ricciardi si ritroverà a indagare sulla morte di una cartomante e usuraia, Carmela Calise. L’indagine porterà al primo timido incontro tra il Ricciardi e il suo amore nascosto, la giovane e timida Enrica che lui vede da dietro le finestre del suo appartamento. Intanto, il fidato brigadiere Maione fa ancora i conti con l’uccisione del figlio Luca.

La sua morte ha sconvolto la sua famiglia e anche la moglie non riesce a darsi pace. Fu proprio Ricciardi a scovare gli assassini di Luca e a rivelargli che il padre fu il suo ultimo pensiero, grazie al “dono” che lo contraddistingue da tutti gli altri. Il commissario, infatti, riesce a vedere gli ultimi istanti delle vittime che muoiono di una morte violenta. Maione gli credette, nonostante non si sia mai chiesto come facesse il commissario a sapere.

Insieme a Lino Guanciale, nel casto troviamo Antonio Milo, Serena Iansiti, Maria Vera Ratti ed Enrico Ianniello. La fiction è stata girata tra Napoli e Taranto. La città pugliese fu scelta per rappresentare alcuni vicoli che somigliavano proprio alla Napoli degli anni ’30.