Ci siamo innamorate della collaborazione tra Memphis Milano e Saint Laurent Paris

·2 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy photo saint laurent
Photo credit: courtesy photo saint laurent

Da Parigi a Milano passando per Memphis. La Parigi è quella di (Yves) Saint Laurent, che nel 1961 fondò la maison destinata a cambiare per sempre il mondo della moda. La Milano quella di Memphis, il gruppo creato da Ettore Sottsass nel 1981 destinato a cambiare per sempre il mondo del design. Memphis è la città di Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again, il brano di Bob Dylan del 1966 che fece da sottofondo alla serata in cui il progetto prese vita, nell'appartamento milanese di Sottsass, che aveva riunito i colleghi De Lucchi, Cibic, Thun, Zanini e Bedin per parlare di nuove forme espressive legate al design. Quelle forme sarebbero diventate di lì a poco quelle di Memphis Milano, collettivo di design e architettura attivo dal 1981 al 1987, che quest'anno celebra i 40 anni dalla sua fondazione. Per rendergli omaggio, Saint Laurent Rive Droite, il progetto creativo multidisciplinare del direttore artistico Anthony Vaccarello, ha dato il via a un duplice festeggiamento: una mostra e una capsule collection d'autore.

Fino al 23 giugno, gli spazi Saint Laurent Rive Droite di 213 rue saint Honoré 75001 a Parigi (il fu address di Colette) e 469 Rodeo Drive a Los Angeles ospiteranno infatti una selezione di pezzi iconici del collettivo, tra cui il Ring bed di Masanori Umeda, la libreria Carlton di Ettore Sottsass e le sedie Riviera di Michele De Lucchi. Ispirato dall'universo grafico e iper saturato di Memphis, Vaccarello si è poi divertito a traslare i motivi iconici del Gruppo su una selezione di capi e accessori, già disponibili in edizione limitata online e in store: due felpe multicolore, due vestiti, una camicia e due paia di sneakers, che fondono le silhouette Saint Laurent ai pattern e colori che hanno reso Memphis un'icona nel mondo. Ma non è tutto: sul sito è in vendita anche una selezione di vasi, piatti e piccoli accessori in ceramica, coffee table book, tote bag e foulard in seta. Per (ri)scoprire attraverso la moda (francese) un pezzo di storia del design (italiano).