"Ci vorrebbero sei settimane per adeguare vaccino a mutazione Covid"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

I due gruppi farmaceutici Pfizer e Moderna stanno testando i loro vaccini anti Covid sulla nuova variante di coronavirus proveniente dal Regno Unito.

Come ha spiegato il fondatore di BioNTech (che ha collaborato con Pfizer alla produzione del vaccino), Ugur Sahin, il nuovo ceppo inglese di Sars-CoV-2 "è un po' diverso" da quelli presi in considerazione finora, "e non sappiamo ancora precisamente se il nostro farmaco possa proteggere anche contro questa. Dal punto di vista scientifico, però, è altamente probabile che il nostro vaccino possa difendere anche contro questa variante".

VIDEO - Usa, somministrata prima dose del vaccino Moderna

I test e la raccolta dati durerà per almeno quindici giorni, ha aggiunto Sahin, precisando che, se mai dovesse risultare necessario un adeguamento del vaccino alla nuova variante, questo processo richiederebbe "sei settimane" di tempo. Senza contare la procedura per ottenere l'autorizzazione, per cui ci sarebbe bisogno di tempo ulteriore.

VIDEO - Covid, cos'è la variante inglese?