Cinque scatole per una casa decostruita sulla riva del lago tedesco di Klein Koeris

Di Elisa Zagaria
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar

From ELLE Decor

Che ci fanno cinque scatole di legno semi-nascoste tra i pini? A prima vista forse non si direbbe, ma questo piccolo insieme di volumi indipendenti, adagiati sul bordo di un lago nel paesino di Klein Koeris, poco distante da Berlino, è un’unica casa privata, una casa decostruita, se così si può dire, ribattezzata Haus Koeris.

Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar

Così l’hanno concepita gli architetti dello studio locale Zeller & Moye, motivati dalla necessità di adottare un approccio sostenibile e rispettoso del paesaggio. Con fondamenta in calcestruzzo e agili strutture in legno, appena sopraelevate rispetto al terreno umido, le cinque unità occupano uno spazio complessivo di 130 metri quadrati, e sono pensate per integrarsi senza fastidi al bosco che le avvolge. La loro stessa disposizione, sfalsata, asseconda la trama degli alberi, un'irregolarità che si ritrova anche nelle dimensioni e nelle altezze dei vari blocchi, tutte differenti e modulate in base alle funzioni che vi sono ospitate.

Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar

Dal vivace dialogo delle cinque “stanze” nascono nicchie, cortili e passaggi più o meno appartati, che cercano l’ombra o si impregnano di sole, così da offrire agli abitanti della casa un’esperienza sempre ricca e versatile di vita all’aria aperta. Il programma prevede due sole scatole dalla funzione “fissa”: l’unità principale, fulcro della casa, destinata alla zona living, ampia e accogliente, con una stufa a tenere lontano il freddo, e un blocco riservato ai servizi. Le restanti tre stanze hanno invece un’impronta più flessibile, perfetta per adattarsi a diversi usi: camere da letto, ma anche spazi per il lavoro e il tempo libero.

Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar

All’interno, come all’esterno, a dominare è il legno, che detta la linea di uno stile caldo ed essenziale, fedele ai codici di autenticità e schiettezza suggeriti dalla natura. L'unico vero ornamento consentito è il paesaggio, che entra nelle stanze attraverso le numerose finestre, anch’esse di misure eterogenee, incastonate nelle pareti come altrettanti quadri, ad esaltare la quieta bellezza del bosco.

Photo credit: Cesar Bejar
Photo credit: Cesar Bejar

http://zellermoye.com