Come abbassare la febbre in modo naturale: tutti i consigli

come abbassare la febbre

La febbre rappresenta un innalzamento del calore corporeo che di solito dovrebbe restare tra i 36 e i 36,8 gradi. Quando la temperatura si innalza sopra tali livelli significa che il nostro corpo sta lavorando per combattere e contrastare un eventuale virus o un attacco batterico.

In qualche modo quindi la febbre è la reazione che il nostro corpo ha per difenderci da un attacco esterno e questo significa che il sistema immunitario sta lavorando nel modo corretto. Più la febbre è alta e più l’organismo mette in pratica meccanismi per difenderci da eventuali aggressioni da debellare.

Finché la temperatura è sotto controllo quindi (fino a 37,5 – 37,8) non ci si deve allarmare troppo, se invece la temperatura raggiunge o supera i 38 è consigliabile allertarsi e prendere precauzioni per aiutare il nostro corpo a combattere l’infezione batterica o il virus che lo ha attaccato.

Come abbassare la febbre naturalmente

Quando si ha la febbre la prima cosa che viene in mente è prendere una medicina (paracetamolo) che agisca all’interno del nostro corpo e che abbassi la temperatura quasi immediatamente.

Esistono però dei rimedi naturali che sono altrettanto efficaci e che permettono di abbassare la temperatura corporea senza ricorrere a medicinali. È consigliabile infatti non abusare dei medicinali perché sono delle forzature esterne che vengono introdotte nel corpo e che spesso possono disturbare lo svolgimento delle normali funzioni protettive.

Uno dei rimedi naturali più efficaci per far abbassare la febbre è senza dubbio bere e idratarsi molto ed in continuazione. È necessario infatti reintegrare tutti i liquidi persi durante l’innalzamento di temperatura perché il nostro corpo emette sudore per cercare di riportare la situazione alla normalità e disperdiamo così molti liquidi.

Oltre alla semplice acqua è utile bere the e tisane depurative molto calde o decotti di erbe aromatiche e limone (come la valeriana, il tiglio, il sambuco, la viola mammola, la malva, il rabarbaro, la rosa canina, l’eucalipto, l’aloe, il ribes, la menta etc). Un’altro rimedio molto utile per abbassare la temperatura corporea è l’assoluto riposo. Il nostro organismo è costantemente sotto stress quando è in atto un’infezione ed impiega numerosi e notevoli energie per cercare di contrastarla.

Questo significa che è necessario non accumulare ulteriori pesi fisici e fatica che potrebbero togliere energia al processo di difesa. È consigliabile quindi non gravare ulteriormente sul proprio fisico e riposare il più possibile.

È importante inoltre arieggiare spesso e costantemente le stanze di tutta la casa (soprattutto quelle in cui si passa la maggior parte del tempo) in modo che non ci sia ristagno di germi e batteri che potrebbero attaccare nuovamente l’organismo una volta che questo è riuscito a guarire.

Per purificare maggiormente l’ambiente e contrastare il ristagno di aria contaminata è possibile utilizzare dei vaporizzatori con l’aggiunta di olii essenziali alla menta, all’eucalipto oppure al tea tree oil.

Anche sul piano dell’alimentazione è possibile aiutare il nostro corpo a sconfiggere l’infezione ed abbassare la temperatura. Infatti alimenti come il peperoncino, la curcuma, la cipolla ed il miele sono considerati degli antibiotici naturali che aiutano a disinfettare l’organismo dall’interno e depurarlo.

Anche le spremute di arancia apportano all’organismo numerosi sali minerali e vitamine ottimi alleati contro le infezioni ed il brodo di pollo molto caldo aiuta a stimolare la creazione dei globuli bianchi i quali sono i principali responsabili della produzione di difese immunitarie.

Un altro metodo efficace per abbassare la temperatura corporea è la spugnatura. Questa procedura consiste nell’immergere in acqua tiepida (comunque non troppo fredda o gelata) un panno di cotone, strizzarlo ed appoggiarlo a contatto con la fronte. In questo modo, ripetendolo per più volte, riusciremo a trasmettere al nostro corpo un calore minore e lo indurremo ad abbassare a sua volta la propria temperatura.

Questa pratica comunque è da effettuare solo se la febbre è bassa (attorno ai 37,5 gradi), se è troppo alta infatti si rischia di mandare in tilt il sistema immunitario e potrebbe essere un rimedio controproducente.