Come abbinare pittura e carta da parati

carta da parati
carta da parati

Abbinare la carta da parati alla pittura è una tendenza molto diffusa nel mondo dell’interior design. Si tratta di una soluzione che dona carattere e originalità a tutte le stanze della casa. Per uscire fuori dalle canoniche strutture decorative, sperimentare con questa tendenza e ottenere un risultato finale all’altezza delle proprie aspettative l’importante è studiare nel dettaglio gli abbinamenti. Scopriamo insieme perché accostare la carta da parati alla pittura è un’ottima idea e quali accorgimenti adottare per abbinare sapientemente colori e motivi.

Perché combinare la carta da parati con la pittura è un’ottima idea?

Quando si è in fase di ristrutturazione o progettazione degli ambienti domestici e si è alle prese con la scelta dei rivestimenti, tra vernice, piastrelle e carta da parati le soluzioni sono davvero numerose. Verniciare le pareti è senza dubbio una delle soluzioni più semplici e, per questo, anche una delle più diffuse. Questo è dovuto al fatto che, soprattutto al giorno d’oggi, è possibile ricorrere all’utilizzo di strumenti e attrezzi che accelerano e ottimizzano il lavoro.

Per quanto riguarda la carta da parati, molto spesso si sceglie di non utilizzarla come rivestimento delle pareti perché si teme che si possano verificare delle difficoltà in fase di applicazione (specialmente se la si esegue in autonomia). A differenza di ciò che accade con la vernice, infatti, la posa della carta da parati richiede un intervento unico. Questo timore è facilmente risolvibile optando per una carta da parati facile da applicare oppure affidando la posa ad un tecnico esperto. Non si possono sottovalutare, infatti, tutti i vantaggi di una simile soluzione: la carta da parati è l’ideale per mascherare irregolarità e imperfezioni dei muri e, al tempo stesso, donare carattere alla casa in base allo stile dell’arredamento.

Perché, allora, non combinare la versatilità e la facilità d’uso della vernice per pareti con i vantaggi della carta da parati? Si tratta di una soluzione interessante per chi si trova ad affrontare la scelta dei rivestimenti ed è indeciso tra le due opzioni. Vernice e carta da parati, infatti, possono coesistere alla perfezione all’interno di ogni stanza: l’importante è prestare attenzione all’abbinamento di colori e motivi.

Pittura e carta da parati: come abbinarle

Perché la carta da parati e la pittura possano coesistere all’interno di uno stesso ambiente è indispensabile studiare con attenzione l’abbinamento dei motivi e dei colori, tenendo sempre a mente lo stile dell’arredamento. Nulla deve essere lasciato al caso: ogni dettaglio deve essere valutato con criterio.

Come abbinare carta da parati e vernice in base ai motivi

Una delle ragioni per cui la carta da parati è particolarmente apprezzata è da rintracciare nel fatto che è disponibile in una molteplicità di motivi. Alcuni sono più discreti e delicati, altri più appariscenti e particolari. Se si opta per una carta da parati decorata con motivi d’effetto e che attirano su di sé tutte le attenzioni, il consiglio è accostarla a una parete liscia, verniciata di un solo colore: in questo modo, il rivestimento viene messo in risalto in tutta la sua eccentricità e l’atmosfera viene alleggerita. Se, invece, la carta da parati è meno appariscente e più delicata, si può osare un po’ di più, per esempio verniciando le pareti vicine con due colori oppure creando forme geometriche per donare movimento al rivestimento.

Come abbinare i colori

Abbinare nel modo corretto i colori della carta da parati e della vernice è molto importante per ottenere un risultato finale equilibrato e armonioso. Farlo non è semplice perché, spesso, si ha a disposizione solo un piccolo campione che, non sempre, assicura l’effetto sperato alla fine dei lavori, specialmente negli spazi di grandi dimensioni. Il consiglio è iniziare dalla scelta della carta da parati e, successivamente, abbinare la vernice. L’ideale è puntare su uno dei colori presenti nel rivestimento e cercare una vernice di tonalità simile.

In alternativa, si può optare per il contrasto, abbinando colori caldi e colori freddi. I più indecisi possono puntare su soluzioni sicure, come il bianco. Con il bianco non si sbaglia mai perché si abbina alla perfezione ad ogni tipo di colore. Se la carta da parati è di un colore molto vivace, come il rosso, l’ideale è una vernice grigio chiaro o bianca. Se, invece, il colore dominante della carta da parati è il grigio o il marrone, l’abbinamento con il bianco avorio è perfetto.

La carta da parati a motivi floreali è di colore tenuo? L’abbinamento con pareti verniciate di tonalità pastello è la soluzione più indicata per rendere l’ambiente luminoso e accogliente. In caso di carta da parati decorata con motivi vegetali e di colore verde, il consiglio è verniciare le pareti di giallo per ravvivare la stanza.

Consigli per non sbagliare

Abbinare i motivi e i colori della carta da parati con la vernice non è sempre facile. Ci sono alcuni accorgimenti che è possibile adottare per non commettere errori e ottenere un effetto finale gradevole, armonioso ed equilibrato. La prima cosa da fare è prestare attenzione agli sfondi e alle profondità. Questo significa che, in fase di scelta della vernice da abbinare alla carta da parati, è indispensabile tenere a mente che una soluzione scura fa sembrare gli ambienti più piccoli, mentre una soluzione chiara contribuisce a renderli più ampi, luminosi e ariosi. Se, ad esempio, si opta per una carta da parati scura, il consiglio è verniciare le pareti con colori chiari e neutri.

Se, all’interno di una stessa stanza, sono presenti più carte da parati, l’imperativo di massima è non accostare fantasie diverse e tinteggiare le pareti utilizzando un colore neutro che non funga da ulteriore elemento di contrasto. Da ultimo, bisogna tenere a mente che la pittura delle pareti non deve mai sovrastare la carta da parati ma metterla in risalto. Per questo motivo, tinteggiare i muri utilizzando vernici di colore chiaro è sempre un’ottima idea: la carta da parati diventa la protagonista della stanza e attira su di sé tutte le attenzioni.