Come affrontare il pianto costante del bambino: alcuni consigli

·2 minuto per la lettura
pianto costante del bambino
pianto costante del bambino

Se il pianto costante del bambino ti sta facendo crollare, metti tuo figlio al sicuro nella sua culla e lascia la stanza. Se è stato nutrito, ha fatto il ruttino ed è stato cambiato, va bene lasciarlo piangere per 10 o 15 minuti mentre ti calmi. Se hai bisogno di una pausa più lunga, chiedi a un membro della famiglia o a un amico di venire a guardare il tuo bambino per un po’.

Considera di chiedere al tuo partner, ai parenti o agli amici – chiunque a cui puoi rivolgerti quando il pianto diventa intenso – di far parte della tua rete di supporto in anticipo. In questo modo, se cominci a sentirti sopraffatta, hai diverse persone che puoi chiamare per chiedere aiuto.

Come affrontare il pianto costante del bambino

A volte il solo parlare con qualcuno di quanto sei stressata può fare la differenza. Altre volte, potresti aver bisogno di allontanarti dal tuo bambino per una breve pausa. Anche un giro in macchina di 20 minuti o una passeggiata intorno all’isolato possono essere sufficienti per cambiare la tua prospettiva.

Se ti sembra di non farcela più, non c’è nessuno che puoi chiamare per venire a sostenerti di persona e pensi che potresti fare del male al tuo bambino, chiama un consulente o il tuo medico. Puoi anche cercare online i servizi di intervento in caso di crisi. Le persone che gestiscono questi servizi sono disponibili 24 ore al giorno e sanno come aiutarti.

Non importa quanto ti senta stressata, sappi che sei ancora un buon genitore. È facile sentirsi rifiutati da tuo figlio quando non risponde ai tuoi sforzi per calmarlo. Cerca di non prenderla sul personale. Tutti i genitori hanno difficoltà a confortare i loro figli a volte. Finché il tuo bambino è sano e sta crescendo, pensa che anche questo passerà.

pianto costante del bambino stress
pianto costante del bambino stress

Cosa fare se sono triste

Questo è il momento di dire “sì” quando la gente chiede “Posso fare qualcosa?”. Chiedere a un amico di aiutarti a disimballare i regali del bambino o a portare fuori la spazzatura è una richiesta molto ragionevole.

È anche il momento di dire di no quando amici e familiari benintenzionati si trattengono troppo a lungo o vogliono darti dei consigli. Chiedi a qualcuno di aiutarti a gestire le visite, la posta, i regali e le telefonate. Devi concentrarti nel prenderti cura di te stessa e del tuo bambino. Inoltre, mantieni un livello di zucchero nel sangue stabile ed evita sbalzi d’umore con un piccolo pasto ogni poche ore.

Tieni degli snack facili da mangiare (noci, barrette di muesli, frutta fresca) e una bottiglia d’acqua a portata di mano nelle zone in cui passi del tempo con il bambino. Lascia che gli amici taglino della frutta o ti preparino un panino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli