Come affrontare il primo mese di allattamento: preziosi consigli

primo mese di allattamento
primo mese di allattamento

Affrontare il primo mese di allattamento può sembrare complicato, ma ci sono molte cose che potranno aiutarvi. L’allattamento al seno è un argomento ricco di pensieri ed emozioni per le donne in gravidanza. Alcune donne possono piangere di gioia quando sognano la loro futura dolcezza. Altre possono provare paura pensando a quanto potrebbe far male o non funzionare. Oppure alcune si sentono ansiose quando considerano la logistica di tutto questo.

Sia che si tratti di una mamma che si impegna ad allattare per il primo anno, sia che si tratti di una mamma che vuole solo provare, bisogna prepararsi ad affrontare alcune delle sfide che possono presentarsi nel primo mese di allattamento.

Consigli per affrontare il primo mese di allattamento e oltre

Prepararsi a un primo mese difficile

Questo è probabilmente il consiglio più importante, perché se non siete preparate mentalmente alle sfide che si presentano quando imparate il nuovo mestiere dell’allattamento al seno, che è esattamente quello che è, potreste scoraggiarvi troppo presto! Assicuratevi anche di conoscere le aspettative contro la realtà: in questo modo sarete molto più consapevoli.

Stabilire un calendario

Credo che tutte le donne interessate a provare ad allattare al seno debbano impegnarsi a rimanere in funzione per un certo periodo di tempo e a non mollare fino a quando non avranno raggiunto il loro obiettivo. Raccomando di continuare per almeno tre mesi prima di dire che non si possono superare le difficoltà. Molti, moltissimi fattori concorrono a creare un’esperienza positiva di allattamento al seno. E finché non avrete dato loro il tempo necessario per regolarsi, potreste smettere ben prima di aver raggiunto il punto giusto.

primo mese di allattamento consigli
primo mese di allattamento consigli

Mangiate e bevete… TANTISSIMO

No, non sto parlando di ubriacarsi. Ma vi suggerisco di bere quanta più acqua possibile e di mantenere l’apporto calorico, perché non potete produrre latte o avere l’energia di cui avete bisogno senza calorie in circolo. Semplice ma profondo! Inoltre, molte donne trascurano il potere dell’acqua, quindi non fatelo.

Capire le variazioni dell’offerta

Dovete sapere che le vostre scorte sono soggette a un naturale flusso e riflusso. Le mestruazioni fanno calare le scorte di molte donne. Anche lo stress, il sonno e le calorie possono influire sulle riserve. Sebbene siano poche le donne che non riescono a produrre abbastanza latte per allattare un bambino, molte donne smettono perché temono di non produrne abbastanza, ma in realtà ne producono. Se la vostra produzione è bassa, cercate di capire quali sono gli altri fattori che possono causarne il calo. E iniziate a cercare cosa potete fare per aumentarla!