Come affrontare la gengivostomatite nei bambini

·4 minuto per la lettura
gengivostomatite
gengivostomatite

La gengivostomatite è il nome lungo per una condizione che si traduce in una bocca molto dolente. È causata da un’infezione virale ed è comune nei bambini, e i sintomi possono essere lievi o gravi. Mentre può essere sconcertante vedere piaghe nella bocca del tuo bambino – e sapere che fa male – di solito non c’è motivo di preoccuparsi.

La maggior parte delle persone si porta dietro i virus che possono causare la condizione. Infatti, l’attacco di gengivostomatite del tuo bambino potrebbe essere la sua infezione iniziale con il virus dell’herpes simplex di tipo 1, che la maggior parte delle persone prende nella prima infanzia e porta con sé per il resto della vita. L’infezione iniziale di solito passa inosservata ma, se si manifesta, lo fa sotto forma di gengivostomatite. L’HSV-1 può causare anche l’herpes labiale.

La gengivostomatite può anche essere causata da un virus coxsackie, il colpevole della malattia della mano, del piede e della bocca.

Quali sono i sintomi?

Le piaghe sono piccole (da 1 a 5 millimetri circa di diametro), grigiastre o giallastre al centro e rosse ai bordi. La loro gravità e la loro posizione dipendono da quale virus sta causando la gengivostomatite. Il tuo bambino può avere piaghe sulle gengive, all’interno delle guance, nella parte posteriore della bocca, sulle tonsille, sulla lingua o sul palato molle. Le sue gengive possono essere infiammate e possono sanguinare facilmente.

Poiché le piaghe possono essere molto dolorose, il tuo bambino sarà probabilmente irritabile, potrebbe sbavare più del solito e non avrà voglia di mangiare o bere molto. Potrebbe anche avere l’alito cattivo e la febbre alta (fino a 40 gradi), e i linfonodi ai lati del collo potrebbero essere gonfi e teneri. Se noti questi sintomi nel tuo bambino, chiama il tuo medico. Nota: in rari casi, la gengivostomatite causata dall’herpes può diffondersi all’occhio e infettare la cornea. La cheratite da herpes simplex, così viene chiamata, può causare danni permanenti agli occhi. Porta subito il tuo bambino dal medico se ha la gengivostomatite e noti che i suoi occhi sembrano acquosi e rossi o che è sensibile alla luce – entrambi i primi sintomi della cheratite da herpes simplex.

Come si cura la gengivostomatite?

Poiché si tratta di un’infezione virale, gli antibiotici non aiutano. Le piaghe nella bocca del tuo bambino dovrebbero sparire in una settimana o due. Esistono tuttavia alcune cose che puoi fare per aiutare il bambino a provare sollievo. Acetaminofene o ibuprofene per neonati possono aiutare ad alleviare il dolore e abbassare la febbre (se il bambino ha meno di 3 mesi, chiedi al suo medico prima di dargli degli antidolorifici. Inoltre, non dare mai l’aspirina a chi ha meno di 20 anni). Se il dolore è così forte che il tuo bambino non vuole mangiare nemmeno con l’aiuto di questi antidolorifici da banco, il tuo medico può prescrivere un antidolorifico più forte.

gengivostomatite bambini
gengivostomatite bambini

Anche se potrebbe non voler bere perché la deglutizione è dolorosa, è estremamente importante che il tuo bambino riceva abbastanza liquidi. Assicurati che riceva molto latte materno o artificiale. Se il tuo bambino ha almeno 4 mesi, puoi anche provare a offrirgli bevande fresche, non acide e non gassate, come acqua o succo di mela diluito. La disidratazione può insinuarsi rapidamente nei neonati e nei bambini piccoli: questa è la complicazione principale di cui devi essere consapevole se il tuo bambino ha la gengivostomatite. Chiama il tuo medico se tuo figlio rimane per più di sei ore senza urinare o assumere liquidi, o se mostra qualsiasi segno di disidratazione.

Puoi optare per omogeneizzati, purè di patate, yogurt, salsa di mele e altri cibi morbidi e insipidi che non richiedono la masticazione. Tuttavia, non forzare il tuo bambino a mangiare solidi se gli fa male la bocca.

Si può prevenire la gengivostomatite?

Poiché molti adulti e bambini sono portatori del virus dell’herpes, e poiché possono trasmetterlo anche se non hanno sintomi, non c’è un modo pratico per prevenire la gengivostomatite. Puoi, tuttavia, cercare di evitare che le persone che hanno un’infezione da herpes condividano il cibo o giochino a stretto contatto con il tuo bambino.

Se le piaghe del tuo bambino sono causate dal virus dell’herpes, quest’ultimo rimarrà nel suo corpo per tutta la vita. La buona notizia è che il primo episodio di gengivostomatite è di solito il peggiore, e non sarà necessariamente una piaga frequente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli