Come affrontare le schegge nei bambini

·5 minuto per la lettura
schegge
schegge

La maggior parte delle schegge può essere rimossa a casa con un ago e delle pinzette – o anche con del nastro adesivo o della colla. Pulisci l’area dopo e fai attenzione ai segni di infezione. Lascia le rimozioni difficili al medico di tuo figlio.

Qual è il modo migliore per rimuovere una scheggia dalla pelle?

Usa una pinzetta e un ago per rimuovere la maggior parte delle schegge di legno e piccoli oggetti, come una scheggia di vetro. È più facile rimuovere una scheggia prima che la pelle inizi a guarire su di essa. Tirarla fuori presto e pulire la zona aiuta anche a prevenire l’infezione. Ricorda di avere un kit dei medicinali ben fornito, in modo da affrontare proprio questo genere di problematiche.

Sterilizza l’ago e le pinzette con l’alcol. Lavati le mani e la zona interessata con sapone e acqua calda. Rassicura il tuo bambino come meglio puoi. Se possibile, fallo sedere sulle tue ginocchia mentre lavori sulla scheggia, o fai in modo che un altro adulto lo tenga e lo conforti mentre la rimuovi.

Se la scheggia sporge abbastanza dalla pelle, potresti essere in grado di estrarla facilmente usando solo le pinzette:

  • Afferrala delicatamente alla base (dove emerge dalla pelle) con le pinzette e tirala fuori, tirando nella stessa direzione in cui è puntata.

  • Se non scivola fuori subito, non prenderla – potresti rompere un pezzo e lasciare il resto incastrato.

Se la scheggia è conficcata nella pelle con poco o nessun pezzo che sporge per poterla afferrare, usa il metodo dell’ago sterilizzato:

  • Immergi l’area in acqua calda per qualche minuto per ammorbidire la pelle – a meno che la scheggia non sia di legno. Se la scheggia è di legno, evita l’ammollo perché potrebbe far gonfiare la scheggia.

  • Usa l’ago per creare delicatamente una fessura nella pelle proprio sopra la parte incastrata e rimuovi attentamente la scheggia con una pinzetta.

Se una scheggia molto piccola è sporgente, d’altra parte, si può essere in grado di rimuoverla senza ago o pinzette. In questo caso puoi premere un pezzo di nastro adesivo forte sulla zona e poi sollevarlo. Questo a volte funziona per le schegge fragili – come quelle di una pianta come l’ortica o le spine dei cactus.

Anche l’applicazione di uno strato di colla bianca potrebbe funzionare. Lascia la colla per cinque minuti e poi staccala. La maggior parte delle piccole schegge verrà via con essa.

Cosa devo fare una volta che la scheggia è uscita?

Lava accuratamente la zona con sapone e acqua calda. Copri la macchia con un sottile strato di pomata antibiotica e un bendaggio adesivo. Pulisci l’area e riapplica la pomata e la benda un paio di volte al giorno finché non è guarita.

Cosa succede se non riesco a togliere la scheggia?

Se si tratta di una scheggia molto piccola, puoi provare a lasciarla andare per qualche giorno. C’è una buona probabilità che la scheggia si rimuova da sola, specialmente se il tuo bambino si immerge nella vasca e l’acqua calda scioglie la pelle intorno. Questo potrebbe non funzionare per una scheggia di legno, però. Anche in questo caso, l’ammollo può farla gonfiare.

Devo portare mio figlio dal medico?

Portalo dal medico se la scheggia:

  • È troppo grande da rimuovere

  • Ha un uncino o un barbiglio, o è ricurva

  • Gli causa forte dolore

  • Si trova sotto un’unghia del piede e non riesci a raggiungerla

  • È vicino all’occhio di tuo figlio

  • Sta causando molto sanguinamento

  • È grande, come un pezzo di legno, di vetro o altri detriti incastrati nella sua pelle

  • Ha causato una profonda ferita da puntura (potrebbe aver bisogno di un’antitetanica)

Le infezioni da schegge sono rare, ma chiama il medico se noti questi segni:

  • Calore, rossore, gonfiore o pus nella zona colpita

  • Febbre

schegge bambini
schegge bambini

Le schegge sono pericolose?

Di solito no, ma possono esserlo. Se le vaccinazioni di tuo figlio non sono aggiornate, una scheggia può causare il tetano, un’infezione potenzialmente fatale causata da batteri che entrano nel sangue attraverso una ferita.

Il vaccino DTaP, che protegge dal tetano, viene solitamente somministrato a:

  • 2 mesi

  • 4 mesi

  • 6 mesi

  • Tra i 15 e i 18 mesi

  • Tra i 4 e i 6 anni

  • A 11 o 12 anni (sotto forma di Tdap, un’iniezione di richiamo)

Successivamente, un richiamo è raccomandato ogni 10 anni per tutta la vita. A seconda della scheggia e dello stato della vaccinazione antitetanica di tuo figlio, il medico di tuo figlio potrebbe decidere di fargli un’antitetanica.

Cosa posso fare per evitare che mio figlio si prenda le schegge?

Ecco alcuni consigli per prevenire le schegge:

  • Non lasciare che i bambini camminino fuori senza scarpe (o in casa se hai pavimenti in legno che potrebbero scheggiarsi).

  • Se si rompe un bicchiere, assicurati di aspirare tutti i piccoli frammenti che a volte si spargono. Un tovagliolo di carta bagnato è ottimo per raccogliere i resti dopo aver spazzato o passato l’aspirapolvere. Fai indossare ai bambini scarpe o pantofole dopo che il vetro si è rotto sul pavimento, anche dopo averlo pulito.

  • Assicurati che i corrimano di legno della tua casa e i giocattoli di legno con cui gioca tuo figlio siano lisci e senza schegge.

  • Controlla le terrazze esterne e i mobili, come i tavoli da picnic, per individuare eventuali schegge.

  • Ispeziona le attrezzature del parco giochi alla ricerca di materiali sfilacciati che potrebbero scheggiarsi e chiedi che vengano riparati.

  • Tenere i bambini lontani da cespugli e piante che hanno spine o altre potenziali cause di schegge.

Pinzette e pomata antibiotica sono elementi fondamentali in un buon kit di primo soccorso. Assicurati di avere tutto ciò di cui potresti aver bisogno a portata di mano per la prossima ferita di tuo figlio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli