Come affrontare l'incontinenza urinaria post-parto

·3 minuto per la lettura
Incontinenza urinaria post-parto
Incontinenza urinaria post-parto

Potresti avere un tipo di incontinenza urinaria post-parto conosciuta come incontinenza da stress. Si tratta di una lamentela comune tra le donne incinte, e alcune scoprono che continua a dar loro fastidio dopo il parto. Normalmente i nervi, i legamenti e i muscoli del pavimento pelvico lavorano insieme per sostenere la vescica e tenere l’uretra chiusa in modo che l’urina non fuoriesca. Uno stiramento eccessivo o una lesione di questi muscoli durante la gravidanza o il parto possono causare perdite di urina.

Un altro problema diffuso è l’incontinenza anale, che può guarire in poco tempo con alcuni accorgimenti.

Chi ha più probabilità di avere incontinenza urinaria post-parto?

Le donne obese hanno molte più probabilità di sviluppare l’incontinenza da sforzo; molti studi trovano che questa condizione sia il singolo fattore di rischio più importante. Le donne che hanno avuto un’incontinenza da sforzo da moderata a grave, durante o prima della gravidanza, sono anche più inclini ad avere un’incontinenza urinaria persistente dopo il parto. A volte dura fino a diversi anni.

Potresti avere più probabilità di avere incontinenza urinaria post-parto se hai partorito vaginalmente invece di partorire con taglio cesareo. Tuttavia, anche alcune mamme che hanno un cesareo programmato ed evitano del tutto il travaglio continuano ad avere incontinenza da stress dopo il parto.

Si può anche avere un rischio maggiore in caso di:

  • Diabete gestazionale

  • Parto vaginale assistito, in particolare se è stato usato il forcipe

  • Spinta prolungata o un bambino grande

  • Molti figli precedenti, soprattutto se ha partorito per via vaginale

  • Fumo

  • Ricerche recenti suggeriscono che anche la predisposizione genetica può avere un ruolo.

Quanto durerà?

Per alcune mamme, le perdite si fermano completamente o diventano molto meno frequenti entro poche settimane dal parto. Per altre mamme, invece, possono persistere in vari gradi per diversi mesi o anche di più. Alcune sviluppano l’incontinenza urinaria – di nuovo o per la prima volta – anni dopo, perché il problema diventa più comune con l’età. Tuttavia, le donne in menopausa hanno l’incontinenza da sforzo in numero simile, indipendentemente dal numero di gravidanze che hanno avuto o dal tipo di parto.

Incontinenza urinaria post-parto mamme
Incontinenza urinaria post-parto mamme

Cosa posso fare?

Parla con il tuo medico: potrebbe voler fare un esame fisico per escludere un’infezione del tratto urinario (soprattutto se hai anche sintomi come dolore o bruciore quando urini). Se non è questa la causa, potrebbe indirizzarti da un uroginecologo per una valutazione. Probabilmente ti raccomanderà di iniziare a fare regolarmente gli esercizi di Kegel e di farne un’abitudine per tutta la vita. Se fatti correttamente e spesso, possono rafforzare i muscoli del pavimento pelvico e darti un migliore controllo della vescica.

Se eri obesa quando sei rimasta incinta, o se hai guadagnato più peso in gravidanza di quanto raccomandato, può aiutarti a perdere il peso in eccesso attraverso la dieta e l’esercizio.

Potresti anche voler:

  • Indossare un assorbente per proteggere i vestiti dalle perdite di urina.

  • Provare a incrociare le gambe e a stringere i muscoli pelvici quando senti uno starnuto o una tosse in arrivo.

  • Limitare l’assunzione di alcol e caffeina.

  • Prevenire la stitichezza, perché sforzarsi per defecare può peggiorare il problema.

Se continui ad avere incontinenza per più di un mese dopo aver fatto regolarmente gli esercizi di Kegel, chiedi al medico di indirizzarti a un fisioterapista per la riabilitazione del pavimento pelvico. Molte donne con incontinenza urinaria trovano sollievo dalla terapia personalizzata del pavimento pelvico.

Se l’allenamento dei muscoli del pavimento pelvico non aiuta, potresti voler considerare altri possibili trattamenti, come i farmaci o la chirurgia. Parla di queste opzioni con il medico per trovare quella giusta per te.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli