Come avere capelli sani e luminosi grazie ai segreti dell'hair care coreana

Di Maddalena Pontini
·3 minuto per la lettura
Photo credit: skaman306 - Getty Images
Photo credit: skaman306 - Getty Images

From Harper's BAZAAR

Sfoggiare una chioma sana e luminosa è come indossare un abito sartoriale, mette in risalto l’eleganza femminile. In Oriente e soprattutto in Corea, la bellezza della pelle va di pari passo alla cura dei capelli.. Anche i capelli, così come la pelle, necessitano quindi di diversi step da seguire, a partire dal più semplice lavaggio quotidiano. Spesso, non avendo una cultura rituale legata alla bellezza, noi occidentali ricorriamo ai ripari quando il problema si è già presentato, con prodotti accessori che nascondono il danno ma non lo risolvono definitivamente. Shampoo secco per un cuoio capelluto oleoso, prodotti che aggiungono luminosità per le punte secche e spente o lacca per capelli per aumentarne il volume. Ma le donne coreane ci insegnano che per far sembrare i capelli sani, occorre avere i capelli sani e questo parte da una cura profonda. Trattamenti e prodotti esfolianti e nutrienti aiutano a purificare il capello internamente, rendendolo così forte e bello al tatto.

1° step: detersione e esfoliazione

Il primo passaggio è anche quello più semplice, il lavaggio. Il più scontato eppure a volte quello risolto in maniera più superficiale e sbrigativa. Questo include non solo il classico shampoo ma una tecnica di pulizia più approfondita che nutre e purifica la cute. Charlotte Cho, co-founder di Soko Glam spiega nel suo blog The Klog che il cuoio capelluto è un estensione della pelle, che necessita come il viso di uno scrub e una pulizia per eliminare le cellule morte. L’esfoliazione aiuta a stimolare il flusso sanguigno locale e rimuovere l’accumulo di prodotto, preparando il “terreno” della cute al benessere dei capelli. Un rimedio casalingo coreano prevede l’utilizzo di acqua frizzante, per un effetto delicato. Se si vogliono però ricercare ottimi risultati è bene affidarsi a quei prodotti che contengono acido salicilico e zinco per esfoliare e prevenire forfora, caduta dei capelli e migliorare la salute della cute.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

2° step: idratazione

Quando il cuoio capelluto è ben deterso è pronto per ricevere un nuovo booster di idratazione. Questo comprende per la haircare coreana la reintroduzione di umidità nei fusti. Come? Grazie all’applicazione di maschere idratanti una volta alla settimana, con un tempo di posa che varia dai 10 ai 15 min, per garantire un assorbimento efficace e una profonda nutrizione. L’olio di semi di zucca e olio d’argan o un balsamo alla cheratina sono ottimi ingredienti per riparare i danni della superficie e trattenere l‘umidità.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

3° step: riequilibrare il ph

Bilanciare il ph naturale è uno dei passaggi fondamentali per riequilibrare la cute, chiudere le cuticole e lucidare il fusto. Un metodo home made è quello di applicare dopo la maschera o il conditioner, una sostanza acida come l’aceto di mele o un cucchiaio di limone per ristabilire il ph naturale, intorno a 4.0 circa. Come per il viso, esistono però sieri leggeri anche per i capelli che garantiscono una doppia azione, equilibrano il ph naturale, mantenendo pulita la cute e proteggono i capelli dai fattori ambientali esterni. Questo garantirà un cuoio capelluto sano e ciocche ben nutrite.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

4° step: trattamenti dopo la doccia

Concedere ai capelli un’ultima coccola dopo la doccia è il gesto per chiudere in bellezza la propria beauty routine. Un rito per le donne coreane insostituibile, tanto da preferirlo a una bella messa in piega. La loro attenzione infatti è rivolta non tanto a un finish perfetto quanto alla reidratazione del capello, per evitare un effetto crespo e un suo indebolimento. Esistono creme, sieri e oli senza risciacquo che nutrono le lunghezze, da spalmare in modo uniforme con la spazzola, per evitare l’accumulo di prodotto. Questo garantisce luminosità.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy