Come Burger King ha cambiato la vita di Robert Downey Jr. per sempre

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Universal Pictures
Photo credit: Universal Pictures

From Esquire

Nel 2003, Robert Downey Jr. è arrivato al volante fino a un Burger King. La sua macchina, come dichiarò in seguito in un'intervista a Empire, era piena di "tonnellate di fottuta droga". Downey era già sopravvissuto ad anni di uso estremo di droghe, finendo in prigione nel 1999 e venendo arrestato di nuovo quattro mesi dopo il rilascio, nel novembre 2000. Negli anni successivi aveva lavorato seriamente alla propria sobrietà, ma aveva anche avuto numerose ricadute. Un'ulteriore pena detentiva avrebbe potuto spingerlo definitivamente nel baratro.

A salvarlo, secondo quanto avrebbe raccontato Empire, fu proprio quella visita al fast food: "Devo ringraziare Burger King. Ordinai un hamburger ed era davvero disgustoso. Avevo in mano quello, e questa enorme bibita zuccherata, e ho sentito che stava per accadere qualcosa di davvero terribile" A quel punto, sopraffatto da questa specie di presentimento lipidico, Downey Jr. ha gettato in mare tutta la droga che aveva, e a quanto ha raccontato ha rinunciato alle droghe per sempre.

Business Insider sottolinea che questo episodio ha ispirato l'inizio del primo Ironman, in cui il primo desiderio di Tony Stark, tornato in America dopo la prigionia, è "un cheeseburger americano". L'hamburger che mangia è proprio di Burger King. E mentre lo divora cambia vita, decidendo che la Stark Enterprises la smetterà di vendere armi all'esercito. I parallelismi tra la storia reale di Robert Downey Jr. e la scena scritta per Tony Stark sono così forti che è impossibile pensare si tratti di un caso.

Photo credit: Alberto E. Rodriguez - Getty Images
Photo credit: Alberto E. Rodriguez - Getty Images

Difficile capire se quelli di Burger King siano contenti di questa pubblicità gratuita, o scocciati visto che l'haburger viene definito "disgustoso". Del resto l'aneddoto è ambiguo: perché improvvisamente l'hamburger gli pare avere un sapore così orrendo? O forse più che l'hamburger è la scena di sé stesso ridotto a mangiare fastfood ipercalorico in una macchina piena di droghe a disgustarlo?

La ragione spiegazione più probabile è in realtà molto meno simbolica e suggestiva: è probabile che farmaci e sostanze che aveva assunto abbiano interagito con i suoi sensi, gusto e olfatto, rovinando il sapore dell'hamburger. Il National Institute of Drug Abuse elenca la secchezza delle fauci, o xerostomia, come effetto a breve termine dell'eroina. I sintomi elencati dall'American Dental Association includono "difficoltà a masticare, deglutire, gustare o parlare" e "gusto alterato o intolleranza per cibi o bevande piccanti, salati o acidi".

Bé, anche fosse, tutto è bene quel che finisce bene.