Come curare il mal di gola senza farmaci

curare mal di gola

Il mal di gola è sempre in agguato non solo nelle stagioni fredde ma, complici gli sbalzi di temperatura, ormai se ne può soffrire in ogni periodo dell’anno. In estate i condizionatori impostati a temperature eccessivamente basse, possono essere il motivo per l’insorgere di questo fastidioso malessere. Non tutti, però, conoscono come curare il mal di gola senza ricorrere all’uso di farmaci.

Curare il mal di gola senza farmaci

Se si ha la prontezza di riconoscerne i sintomi si posso utilizzare rimedi naturali per contrastarlo fin da subito evitando così di dover assumere medicinali che spesso debilitano più del mal di gola stesso. La maggioranza di questi rimedi proviene dalla natura e dalla tradizione popolare e gli ingredienti da utilizzare sono probabilmente già presenti nella nostra casa e con pochissimi effetti collaterali e quindi assumibili anche per periodi di tempo prolungati.

Latte e miele: il rimedio della nonna

Una bella tazza di latte caldo e miele è uno dei più efficaci metodi naturali per lenire il mal di gola. È apprezzato molto anche per la sua economicità e per la facilità nel reperire gli ingredienti. Il latte racchiude una miriade di vitamine (vitamina A e del gruppo B e D) ed è ricco di calcio. Berlo caldo ha un effetto calmante e rilassante sullo stomaco. Talvolta il latte risulta difficile da digerire oppure non viene utilizzato da chi segue un’alimentazione vegana: in questo caso lo si può sostituire con quello di riso che, oltre ad essere altamente digeribile, è l’alternativa che nel gusto risulta essere più appetibile e gradevole. Il miele, dal canto suo non è meno prezioso come alleato: grazie alle sue proprietà si è guadagnato il titolo di antibiotico naturale. Aiuta a debellare la malattia attaccando i batteri e allo stesso tempo protegge i tessuti della gola tramite la sua funzione antiossidante. Ogni miele ha delle caratteristiche specifiche derivanti dalla tipologia di fiore utilizzato: per il mal di gola il più indicato è quello di acacia che aiuta nella funzione espettorante ed è un ottimo alleato per debellare le infezioni del tratto respiratorio.

La propoli: l’oro nero delle api

Le proprietà benefiche della propoli sono conosciute fin dai tempi antichissimi: i Greci ed i Romani la utilizzavano per cicatrizzare le ferite, mentre gli Egizi la impiegavano nel processo di mummificazione dei defunti. Ai giorni nostri la propoli continua ad avere un largo utilizzo sia nei prodotti di bellezza che nelle preparazione erboristiche curative. Grazie alle sue proprietà antibatteriche, ai flavonoidi e alla vitamina C disinfetta l’intero cavo orale. In commercio si trova sotto forme diverse ma la più indicata per il mal di gola è l’ estratto idroalcolico liquido: se ne può versare qualche goccia direttamente in bocca oppure, se il gusto risulta troppo forte, la si può diluire in acqua ed utilizzarla per fare dei gargarismi. Il contatto diretto della propoli con le mucose irritate dona un sollievo immediato e disinfetta all’interno cavo orale.

Tea Tree: un olio benefico

L’olio essenziale di tea tree è uno dei rimedi fitoterapici più usati per curare il mal di gola ma non solo, dato che è rinomato anche per le sue proprietà disinfettanti, antibatteriche e cicatrizzanti. Come per la propoli, l’utilizzo più idoneo per trattare un’irritazione lieve del cavo faringeo è tramite gargarismi. Bastano davvero poche gocce per avere subito dei benefici ed un’immediata sensazione di freschezza. Un altro uso del tea tree per combattere il mal di gola è tramite suffumigi: il contatto con l’acqua calda sprigiona dei vapori che disinfettano la gola e aiutano a decongestionare i polmoni. L’olio essenziale risulta comodo anche per chi è sempre in movimento o in viaggio: mettendo poche gocce sulle mani e frizionando in maniera decisa si sprigionano subito i vapori benefici che decongestionano e donano sollievo alle mucose nasali.