Come dimagrire camminando: i consigli per farlo meglio

·3 minuto per la lettura
Photo credit:  andrew tanglao - unsplash
Photo credit: andrew tanglao - unsplash

È stato ormai accertato: camminare fa bene alla nostra salute. Una passeggiata quotidiana di almeno trenta minuti migliora la funzionalità cardiaca, quella respiratoria, contribuisce a ridurre lo stress, a rilassare la tensione muscolare e a riposare meglio. Ma non è tutto, perché la camminata a passo sostenuto è anche un ottimo alleato per chi vuole perdere peso.

Per godere di una vita sana, quindi ridurre rischi di attacchi cardiaci, diabete, obesità, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, fino a qualche tempo fa, consigliava di compiere diecimila passi al giorno, che corrispondono a circa otto chilometri. Ne scriviamo al “passato” poiché negli anni si è dibattuto a lungo sull’attendibilità di questa cifra. Alcuni studi hanno dimostrato, per esempio, come una camminata di 10 minuti al giorno è sufficiente per chi desidera “solamente” un miglioramento dell’umore. Per avere un ritmo sonno-veglia equilibrato sarebbero sufficienti tremila passi, mentre cinquemila passi, da compiere anche a tratti nell’arco della giornata, sarebbe la distanza perfetta per un miglioramento generale della salute. Semplificando potremmo dire che i diecimila passi devono essere intesi come un incentivo utile per migliorare la qualità della vita.

Photo credit: joao ferreira - unsplash
Photo credit: joao ferreira - unsplash

Insomma, non ci sono più scuse, il trucco consiste nell’iniziare in modo graduale fissandovi, perché no, un obiettivo. Per esempio, sulla base di uno studio pubblicato sul magazine Biology Letters, una camminata a passo sostenuto per trenta minuti al giorno vi permetterà di rimettervi in forma e perdere qualche chilo di troppo. Ecco un piano settimanale, ripetibile, per farlo al meglio.

Primo giorno
Si inizia con una camminata veloce, senza esagerare, ma al di sopra della vostra comfort-zone, per circa 20 minuti.
Secondo giorno
Alternate un minuto di camminata rapida a un minuto di camminata moderata, per un totale di 30 minuti. È importante concludere l’allenamento con cinque minuti di camminata moderata.
Terzo giorno
Si inizia con 20 minuti di camminata veloce alternando, ogni 5 minuti, 30 secondi di esercizi a scelta tra squat, affondi, piegamenti sulle braccia, saltelli, skip. Dopo ogni serie sono previsti 30 secondi di riposo.

Photo credit: jane palash - Unsplash
Photo credit: jane palash - Unsplash

Quarto giorno
Camminata veloce di 20 minuti alternando, ogni tre minuti, esercizi per le spalle e per le braccia da eseguire usando bottigliette di acqua. I pesi devono essere sollevati all’altezza delle spalle, le braccia saranno tese senza abbassarle.
Quinto giorno
Alternate 2 minuti di camminata a ritmo sostenuto, e minuti di riposo, 30 secondi a scelta tra squat, affondi, skip, saltelli sul posto per un totale di 30 minuti.
Sesto giorno

Camminata veloce per 20/30 minuti, ricordandosi la corretta postura quindi addominali tesi, glutei stretti e spinta sui talloni.
Settimo giorno

Dedicatevi a una passeggiata di 30 minuti in tutto relax oppure, se preferite camminate a ritmo sostenuto per 15 minuti.

Dopo la prima settimana di allenamento il metabolismo inizierà ad aumentare e a bruciare più velocemente i grassi. Sarà possibile aumentare il ritmo della camminata o aggiungere minuti a partire dalla seconda settimana. Dalla terza, invece, potrete aumentare anche l’intensità degli esercizi. Vale la pena ricordare che, per non annullare gli effetti benefici ottenuti, è importante non interrompere per un lungo periodo l’attività fisica o lasciare trascorrere troppo tempo tra una allenamento e l’altro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli