Come evitare che i più piccoli si facciano male a casa?

·3 minuto per la lettura
prevenzione incidenti domestici
prevenzione incidenti domestici

Nel nostro Paese si registrano ogni anno oltre 600 mila accessi al pronto soccorso pediatrico conseguenti a infortuni domestici. Quindi, è necessario porre maggiore attenzione sulla sicurezza delle abitazioni, nonché sulle abitudini sbagliate. Come prevenire gli incidenti domestici dei bambini? Scopriamolo insieme attraverso i consigli più utili.

Come prevenire gli incidenti domestici dei bambini

Se è vero che i bambini vivono in modo progettato dagli adulti per gli adulti, è anche vero che gli incidenti domestici sono prevedibili e prevenibili. I genitori, gli adulti in generale, devono essere consapevoli dei rischi a cui i più piccoli sono esposti sia nell’ambiente domestico che in quello, genericamente, urbano. Per questo motivo, essi hanno certamente un ruolo strategico nell’impostare la consapevolezza dei rischi e la conoscenza della potenziale pericolosità di stili di vita e di comportamento. Anche altre figure, come per esempio i nonni e le baby-sitter, sono responsabili di una corretta educazione dei più piccoli. Gli interventi di prevenzione sono mirati a eliminare o almeno a ridurre i rischi e a stimolare l’adozione di comportamenti idonei.

A 9 mesi

A 9 mesi di vita il bambino si alza aggrappandosi, prende piccoli oggetti, tocca tutto ed esplora con la bocca tutto quello che gli passa a tiro. Per prevenire gli incidenti più comuni, è opportuno:

  • usare un fasciatoio, una bilancia e un lettino con bordi alti;

  • bloccare al seggiolone con gli appositi sistemi di ritenuta;

  • durante il bagnetto non lasciare mai il bambino da solo;

  • dal momento che il bambino può raggiungere qualsiasi cosa gattonando, attenti a caminetti, scale, fornelli, ecc;

  • bloccare i mobili bassi con idonei bloccaporte o serrature;

  • non far usare il girello;

  • evitare di lasciare il bimbo incustodito;

  • riporre gli oggetti taglienti lontani dalla sua portata;

  • ordinare i cavi del computer e le prese elettriche penzoloni;

  • utilizzare in auto un seggiolino adeguato.

A 18 mesi

A 18 mesi il bambino sta seduto su una sedia, utilizza le matite, costruisce torri con i giocattoli. Per prevenire gli incidenti più comuni, è opportuno:

  • non regalare macchinine, bamboline, perline, insomma oggetti che possano facilmente finire nella trachea;

  • attenzione agli alimenti non idonei come arachidi, chicchi d’uva, pomodorini, caramelline; carote crude;

  • portare le sostanze pericolose fuori dalla sua portata;

  • posizionare cancelletti all’inizio e alla fine delle scale;

  • mettere via dopo l’uso gli apparecchi elettrici.

A 3 anni

A 3 anni il bambino apre i cassetti, svita e apre i recipienti, va in triciclo. Per prevenire gli incidenti più comuni, è opportuno:

  • montare i cancelletti per le scale;

  • riporre la chincaglieria ornamentale e i soprammobili fuori dalla sua portata;

  • non lasciare sedie, vasi, giocattoli vicino a finestre, balconi e terrazze;

  • rivestire le porte e le finestre con una pellicola adesiva che impedisca il frantumarsi degli stessi in caso di urto;

  • insegnare al bambino i principali simboli di pericolo presenti sulle etichette;

  • accendini e fiammiferi devono essere posti in cassetti chiusi a chiave;

  • non lasciare mai da solo il bambino in bagno.

A 5-6 anni

A 5-6 anni il bambino è indipendente e valgono tutte le precedenti misure di prevenzione suggerite.