Come evitare di rendere i pasti una lotta di potere

·3 minuto per la lettura
I pasti sono una lotta di potere
I pasti sono una lotta di potere

I pasti sono una lotta di potere per moltissimi bambini; si tratta quindi di una problematica davvero diffusa. Per molte famiglie, sedersi insieme per un pasto significa spesso litigare per il cibo – cosa c’è sul menu, chi mangia (o non mangia) cosa e quanto.

Ma chi vuole questo sera dopo sera? Per evitare litigi a cena, cercate di non parlare di cibo a tavola. Servite semplicemente il pasto senza commenti. Naturalmente, se vostro figlio è un mangiatore schizzinoso, tenere a freno la lingua può richiedere molta moderazione. Tuttavia, il vostro bambino ne trarrà beneficio a lungo termine se non insistete sulle sue abitudini alimentari durante il pasto.

Assicuratevi di fornire al vostro bambino delle scelte alimentari ragionevoli e sane, ma non costringetelo a mangiare. Voi decidete i menu e gli orari dei pasti, e vostro figlio decide cosa mangiare e quanto. Per quanto possa essere difficile, è importante dare al vostro bambino un po’ di controllo – e potreste essere sorpresi di sapere quanto bene i bambini possano autoregolarsi quando si tratta di cibo.

“È il vostro bambino a decidere se mangiare o meno, cosa mangiare di quello che gli viene offerto e quanto”, dice Nancy Hudson, una dietista registrata presso l’Università della California.

I pasti sono una lotta di potere: cosa devo fare se mio figlio si rifiuta di mangiare?

Tua madre potrebbe averti premiato con una ciotola di gelato per aver pulito il tuo piatto, ma questo ha solo dimostrato che le verdure erano la punizione e il dessert la ricompensa. Piuttosto, prova questo approccio: servi almeno un cibo che sai che piace a tuo figlio, non discutere le abitudini alimentari e sparecchia la tavola quando il pasto è finito, anche se tuo figlio non mangia tutto il cibo. Va bene se ha ancora fame dopo cena.

Non diventare un cuoco a domicilio, preparando pasti speciali solo per accontentare tuo figlio. Inoltre, non dargli spuntini vicino all’ora del pasto – il tuo bambino è più propenso a mangiare se ha fame. Se vuole il dessert, daglielo senza lotte, ma considera la possibilità di servire frutta invece di un dolcetto zuccherato.

I pasti sono una lotta di potere bambini
I pasti sono una lotta di potere bambini

Trattare il dessert come una ricompensa per aver finito le verdure rischia di insegnargli che le verdure non sono piacevoli. Offrire dessert più nutrienti insieme a dolcetti occasionali come il gelato incoraggia le abitudini sane. È anche importante essere un buon modello. Se tuo figlio ti vede godere dei tuoi pasti, è più probabile che anche lui si goda i suoi.

Come faccio a capire se mio figlio sta mangiando bene?

Ricorda che, in definitiva, tuo figlio è quello che ha il controllo di ciò che mette nel suo corpo. Decidere per lui quando ha fame o quando ha mangiato abbastanza non è salutare. “Non imparerà a riconoscere quando ha fame e quando ha finito, e lo stai preparando a problemi alimentari più tardi, come l’obesità, la sovralimentazione o il controllo del cibo”, dice Hudson. “I bambini sono incredibilmente bravi nell’autoregolazione. Un giorno potrebbero non mangiare quasi nulla e il giorno dopo mangiare una tonnellata di cibo”.

Se osservi cosa mangia tuo figlio nel corso di una settimana o di un mese, vedrai che fa un buon lavoro per ottenere ciò di cui ha bisogno da diversi gruppi di alimenti (a condizione che tu ne offra una varietà). Quindi prendi una sedia, rilassati e cerca di goderti il tuo pasto. Se lo fai tu, lo farà anche il tuo bambino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli