Come evitare le discussioni tra neo-genitori: i consigli

·7 minuto per la lettura
evitare le discussioni
evitare le discussioni

Quando sei disorientata, privata del sonno e irritabile, non è facile evitare le discussioni con il tuo partner. Di seguito, trovi i cinque commenti principali che possono far ribollire il sangue di qualsiasi nuovo genitore – e alcuni consigli su come mantenere la pace.

Ricorda che è di vitale importanza coltivare del tempo insieme, e ciò non riguarda esclusivamente il sesso.

“Puoi alzarti per il bambino? Sono esausta”

Con l’arrivo di un bambino, il sonno diventa improvvisamente una cosa da condividere, prendere a turni e negoziare. Questo può essere uno shock per il vostro sistema come coppia. “La cosa che mi colpisce di più è quanto siamo diventati possessivi del sonno. Abbiamo discusso molto su chi lo meritasse di più”, ricorda una mamma.

Evitare le discussioni: cerca di stare lontana dalla competizione del “sono più stanca di te”.

Nessuno può dire chi è più stanco, perché nessuno dei due lo sa veramente. La realtà è che se entrambi vi sentite esausti, entrambi avete bisogno di aiuto. Se potete permettervi una babysitter, prendete in considerazione la possibilità di assumere qualcuno a breve termine, su base regolare, in modo che tu e il tuo partner possiate recuperare il riposo. Oppure accetta l’assistenza di membri della famiglia o di amici intimi.

Non c’è da vergognarsi nel farsi aiutare in modo che entrambi possiate dormire di più. Anzi, è una cosa responsabile da fare perché fa bene alla salute generale della tua famiglia. Per evitare discussioni su chi deve alzarsi, stabilisci un “compromesso del sonno” con il tuo partner. Per esempio, potreste avere un giorno di sonno ciascuno nel fine settimana, fare turni di quattro ore durante la notte o, se il vostro bambino prende il biberon, fare una notte sì e una no.

Se un genitore lavora e l’altro rimane a casa con il bambino, si può scegliere di organizzare le cose in modo che il genitore che lavora dorma di più nei giorni feriali ma prenda il lavoro nei fine settimana, quando il genitore che rimane a casa può dormire più tardi, più a lungo o fare dei pisolini.

Ricorda che la privazione del sonno può rendere le persone irritabili, depresse e più propense a litigare. Qualche ora di sonno in più può fare una differenza sorprendente nel tuo umore e nella tua prospettiva.

“Ecco, il bambino ti vuole”

Se il tuo partner ti chiede con tensione di prendere il bambino che urla dopo pochi minuti, potresti fare fatica a non lasciarti andare a qualche urlo tu stessa. “Appena nostro figlio ha bisogno di qualcosa o inizia a piangere, mio marito me lo passa”, dice una mamma. “Passerà del tempo con lui solo quando il bambino è felice”.

Evitare le discussioni: ricorda a te stessa che il tuo partner non sta necessariamente cercando di sottrarsi ai doveri del bambino. Come spiega un padre: “Voglio confortare il mio bambino. Ma è un po’ difficile quando strilla come se fossi il diavolo”.

Lavora con il tuo partner per sviluppare delle routine con il tuo bambino. Questo ridurrà il fenomeno delle urla della mamma. “Il mio compito era quello di fare il bagno a nostro figlio”, dice Charles, un padre di tre figli. “Poiché era il mio lavoro, non se ne parlava. Sapevo cosa fare, l’ho sempre fatto e mio figlio era abituato a farmelo fare”.

Sviluppa una routine anche per la consegna del bambino. Se incontri il tuo partner alla porta e gli dai immediatamente il bambino, può essere una configurazione per il fallimento. La transizione è troppo brusca. Piuttosto, passate un po’ di tempo insieme come una famiglia. Se lo fate regolarmente, il bambino impara ad aspettarselo ed è meno incline a protestare.

Molti padri trovano che l’uso di una fascia o di un marsupio, che lo tiene vicino e aderente al corpo, può aiutare ad alleviare il bisogno della mamma. Tuttavia, ci sono momenti in cui i bambini continuano a piangere nonostante i valorosi sforzi dei genitori per calmarli. Questo va bene. Incoraggia il tuo partner a resistere con il bambino che urla. È un buon esercizio e, a lungo andare, può aiutare il tuo bambino ad accettarlo come consolatore.

evitare le discussioni neogenitori
evitare le discussioni neogenitori

“Cosa fai tutto il giorno, comunque?”

I bambini hanno solo pochi bisogni fondamentali – ma soddisfare questi bisogni può facilmente riempire le tue giornate. I piatti si accumulano nel lavandino, il bucato non viene lavato, le commissioni passano in secondo piano. Il fatto che un bambino piccolo possa creare un tale scompiglio negli orari degli adulti è una delle più grandi sorprese della nuova maternità – e può essere difficile da capire per un genitore che è fuori casa tutto il giorno.

“Mia moglie tornava a casa dal lavoro e iniziava immediatamente a marciare per la casa, raccogliendo le cose. Alla fine sbottava: ‘Cosa fai a casa tutto il giorno, comunque?'” dice Cary, un padre di due figli che rimane a casa con i bambini un giorno alla settimana. “È vero che la casa era in disordine, ma dopo aver passato le ultime nove ore a cercare di nutrire e intrattenere un bambino di 6 mesi, l’ultima cosa di cui avevo bisogno era una lezione“.

Evitare le discussioni: mettersi sulla difensiva è una risposta naturale, ma peggiora solo le cose. “Ho subito tirato fuori una serie di scuse sul perché la casa fosse in disordine, ricorrendo infine alla battuta ‘Quanti padri conosci che stanno a casa? Finiremmo per litigare”, dice.

Piuttosto, usa le dichiarazioni “io” per dire al partner come questo ti fa sentire. Per esempio, “Mi sento sulla difensiva quando mi fai questa domanda”. Ciò può aiutare a disinnescare le cose fino a quando non avrai il tempo di parlare. Aspettate fino a quando il vostro bambino dorme e potete avere una discussione calma e focalizzata sulla soluzione.

“Ma ho pulito la settimana scorsa!”

Un nuovo bambino significa nuove faccende – come il pannolino e l’alimentazione – così come più di quelle vecchie, come la pulizia, la spesa e il bucato. Infatti, prendersi cura di un nuovo bambino crea circa 350 faccende separate a settimana! Non c’è da meravigliarsi che i genitori si sentano sovraccaricati e non siano sicuri di come dividere il lavoro in un modo che sembri giusto per entrambi i partner.

Evitare le discussioni: non cadere nella trappola di aspettarti che il tuo partner ti legga nel pensiero e poi sentirti risentito quando non succede. Piuttosto, spiega come ti senti, ancora una volta usando il buon vecchio linguaggio “io”. Per esempio, “Mi sento sopraffatta e oppressa a causa di tutte le faccende domestiche”.

Spiega che hai bisogno di aiuto. Vai al sodo e specifica i dettagli. Invece di un vago “Devi pulire di più”, prova “Puoi riempire la lavastoviglie mentre io faccio il bucato?”. Impostare un sistema regolare per le faccende domestiche può essere particolarmente efficace. “Io mi occupo di passare l’aspirapolvere, spolverare e lavare i piatti”, dice un padre. “Mia moglie, Erika, si occupa di cucinare, del riordino generale, della pulizia dei bagni e del bucato dei bambini”.

come evitare le discussioni
come evitare le discussioni

“Torno subito!”

“Vado solo a controllare una cosa al computer”, dice il tuo partner, infilandosi in camera da letto. Quando riemerge 45 minuti dopo, non riesce a capire perché ti stai arrabbiando. Oppure esce per fare una commissione “veloce”, che in qualche modo si trasforma in una serie di super commissioni. “Mio marito se ne andava per ore”, dice una mamma. “Andava a comprare qualcosa, non riusciva a trovarla, andava in un altro negozio… e tutto quello che sapevo era che lui era via mentre io ero bloccata con il bambino. Mi arrabbiavo spesso per questo”.

Che sia di proposito o per caso, “la grande fuga del bambino” accade quando i nuovi genitori alla disperata ricerca di “tempo per sé” rubano alcuni momenti – o ore. Tuttavia, per il genitore lasciato indietro, è tutt’altro che secondario.

Evitare le discussioni: usando di nuovo il linguaggio “io”, esprimi i tuoi sentimenti al tuo partner. Per esempio, “Quando passi del tempo su Internet mentre io mi occupo del bambino, mi sento esclusa e mi sembra di essere sfruttata”. Presenta la tua preoccupazione come un problema da risolvere, piuttosto che come qualcosa che il tuo partner ha fatto male e per cui dovrebbe sentirsi in colpa.

Successivamente, elaborate un piano – insieme – in modo che entrambi possiate avere il tempo di perseguire i vostri interessi individuali.

Altri consigli per mantenere forte la vostra relazione post-bambino

Non supervisionare: se è il tuo turno di fare una pausa, prendila! Non usare il tempo per consigliare il tuo partner su come gestire il bambino. Ricorda, ci sono molti modi per calmare e intrattenere – e se lo stile del tuo partner è diverso dal tuo, tanto meglio per la flessibilità del tuo bambino.

Fate una serata d’appuntamento: Certo, ami il tuo bambino, ma è importante avere anche del tempo di coppia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli