Come far funzionare i time-out col bambino

·6 minuto per la lettura
time-out
time-out

Quando tuo figlio fa i capricci, il modo migliore per stroncare il comportamento sul nascere è spesso quello di toglierlo dall’attività in questione e dargli la possibilità di calmarsi. Questa tecnica, nota come time-out, è un modo efficace e non violento per modellare il comportamento.

Capire cos’è e cosa non è un time-out

Un time-out non è una punizione. È un’opportunità per il tuo bambino di imparare come affrontare la frustrazione e modificare il suo comportamento. Mentre tuo figlio è in un time-out, da solo, cerca di lasciarlo seduto in solitudine per qualche momento. Qualsiasi attenzione da parte tua – positiva o negativa – rafforza solo il comportamento indesiderato.

L’Accademia Americana di Pediatria (AAP) dice che va bene dare un time-out ai bambini a partire da 1 anno, ma è meglio solo come ultima risorsa. Fino a quando non sarà un po’ più grande, tuo figlio non avrà l’autocontrollo e le capacità di ragionamento per rendere efficace un time-out tradizionale. Piuttosto, pensa a un time-out come al “tempo tranquillo” di cui il tuo bambino ha bisogno per calmarsi e tenere le sue emozioni sotto controllo.

L’AAP dice che per far funzionare un time-out per il tuo bambino dai 12 ai 24 mesi, è importante agire immediatamente (mentre il comportamento indesiderato sta accadendo) e dirgli con calma in non più di 10 parole perché deve sedersi e stare fermo. Successivamente, premialo con un’attenzione positiva non appena si calma, piuttosto che dopo essere stato seduto per un certo periodo di tempo. Inoltre, assicurati di dare time-out per i motivi giusti. Riservali per cose come picchiare o continuare a disobbedire. Infine, sii coerente ogni volta che tuo figlio infrange le regole.

Quando non provare il time-out

Se il tuo bambino si lamenta, piange o tiene il broncio, non ha bisogno di un time-out – probabilmente si sente frustrato o deluso. In questo caso, la cosa migliore è sedersi con lui e scoprire cosa c’è che non va. Ricorda che i bambini sono curiosi per natura e amano esplorare e toccare. Quindi, se tieni degli oggetti che si rompono a portata di mano, non essere sorpresi di sentire l’occasionale schianto.

A volte un po’ di tempo tranquillo da solo è tutto ciò di cui il tuo bambino ha bisogno per cambiare marcia e calmarsi. Ciò che è utile in un time-out è che può disinnescare e reindirizzare una situazione in aumento in modo non emotivo. Permette di insegnare a tuo figlio senza dare un esempio negativo, come fanno le urla o le percosse.

time-out bambini
time-out bambini

Errori comuni

Due errori comuni che i genitori fanno quando danno i time-out sono parlare troppo e arrabbiarsi. Fai in modo che la tua spiegazione sia immediata, breve e calma. Usa un contatto visivo diretto e stai ferma. Quando il time-out è finito, abbraccia tuo figlio. Un segno di affetto dimostra che è ancora degno del tuo amore anche se il suo comportamento è inaccettabile.

Assicurati che tuo figlio sia abbastanza grande per un time-out formale. I bambini piccoli fanno fatica a stare seduti, quindi cercare di far stare il tuo piccolo in un posto per un certo periodo di tempo può facilmente disintegrarsi in una scena di inseguimento.

Questo è il motivo per cui i time-out tradizionali non funzionano fino a qualche tempo tra il secondo e il terzo compleanno del tuo bambino. Osserva i segni che lui capisce cosa è accettabile e cosa no. Un indizio è se ti ricorda le regole anche quando le infrangi. Per esempio, se ti sorprende a fare qualcosa che normalmente non gli permetteresti di fare – per esempio, mangiare uno snack sul divano – potrebbe dirti: “Non dovresti farlo, mamma”.

Finché il tuo bambino non riesce ad apprezzare la necessità di seguire le regole, limita l’uso dei time-out. Altrimenti non capirà perché viene corretto, e tu potresti sentirti frustrata e abbandonare prematuramente la strategia.

Iniziare a fare time-out insieme

Prima che tuo figlio sia pronto per un time-out solitario, puoi introdurre l’idea facendo quello che alcuni esperti di educazione chiamano un time-out positivo insieme, o un “time-in”. Quando tuo figlio si agita e sta per perdere il controllo, digli: “Facciamo un time-out per leggere un libro finché non ci sentiamo meglio”. Qualsiasi attività tranquilla, come ascoltare musica, sdraiarsi, o mettere insieme un semplice puzzle, funzionerà.

Prendere un time-in con te interrompe la spirale del comportamento negativo evitando la battaglia di volontà che un time-out più formale può incitare. Inoltre, introduce in modo indolore il tuo bambino all’idea di un periodo di raffreddamento. L’AAP dice che è anche importante non vedere la disciplina solo in termini di time-out e conseguenze negative. Assicurati di dare a tuo figlio lodi e incoraggiamenti quando si comporta bene. Enfatizzare il rinforzo positivo per il buon comportamento, e insegnare a tuo figlio comportamenti alternativi quando inizia a comportarsi male, funziona molto meglio che punire semplicemente il cattivo comportamento.

Mostrare e raccontare

Quando il tuo bambino può seguire semplici indicazioni e ha un tempo di attenzione leggermente più lungo, è pronto per un time-out più tradizionale. Tra i 2 e i 3 anni, probabilmente noterai che è più in grado di capire causa ed effetto. Tuttavia, non farglielo capire in un impeto di frustrazione – un time-out funziona meglio se viene spiegato in anticipo. Usa termini semplici: “Quando ti scateni troppo o ti comporti in un modo che mamma e papà non ritengono positivo, chiamerò un time-out. Questo significa che ti siederai su questa sedia per un po’ di tempo finché non ti sarai calmato”.

Alcuni genitori trovano utile recitare o usare una bambola o un orsacchiotto per dimostrare di fare un time-out.

time-out bambini consigli
time-out bambini consigli

Non aspettarti miracoli

Come avrai scoperto senza dubbio, i bambini sono notoriamente attivi, ostinati e imprevedibili. Mettere alla prova i limiti e valutare le tue reazioni – più e più volte – è il modo in cui il tuo bambino stabilisce una comprensione sicura del suo mondo. Tuo figlio può lanciare ripetutamente il cibo dal tavolo per stabilire che la gravità continua ad esistere, per esempio. Inoltre, può ripetere un’azione solo per assicurarsi che non sia ancora “a posto” con te, quindi la coerenza e la pazienza sono molto importanti.

Nessun singolo approccio disciplinare, compresi i time-out, trasformerà il tuo bambino in un angelo obbediente. Dovrai sperimentare una varietà di tecniche disciplinari durante l’infanzia – con un sano equilibrio di rinforzi positivi per il buon comportamento – per scoprire cosa funziona meglio per entrambi. Infatti, se tuo figlio è solitamente obbediente, potresti essere abbastanza fortunata da non aver mai bisogno di un time-out.

Richieste e reindirizzamenti possono essere sufficienti. Oppure potresti scoprire che cambiare il ritmo con un’attività più tranquilla funziona bene per tutta l’infanzia del tuo piccolo. In ogni fase, imparare quali comportamenti sono normali (o inevitabili) mantiene le tue aspettative realistiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli