Come gestire una gravidanza al lavoro: cosa c'è da sapere

gestire una gravidanza al lavoro
gestire una gravidanza al lavoro

La maggior parte delle donne può tranquillamente gestire una gravidanza al lavoro. Anzi, continuare a lavorare cinque giorni alla settimana è una buona cosa. Permette loro di mantenere la stabilità finanziaria e di continuare a contribuire al raggiungimento dei loro obiettivi di carriera. Con l’aumento del numero di donne nella forza lavoro, è aumentato anche il numero di dipendenti in gravidanza.

Come gestire una gravidanza al lavoro: preziosi consigli

Sentirsi meno gonfie

Nelle prime settimane di gravidanza, potreste tenere nascoste le notizie sul vostro futuro bebè. Purtroppo, questo è anche il periodo in cui i disturbi e i disagi legati alla gravidanza, come la stanchezza e la nausea mattutina (o, più precisamente, per molte donne incinte, la nausea di tutto il giorno), si fanno sentire.

Riposare durante la giornata lavorativa non è sempre possibile, quindi cercate di dormire dalle sette alle nove ore di notte, quando potete.

come gestire una gravidanza al lavoro
come gestire una gravidanza al lavoro

Diffondete la notizia

Quando siete pronte a vuotare il sacco sulla gravidanza, fissate un momento per parlarne con il vostro capo. Se siete nervose, potrebbe essere utile parlare con una collega fidata che è rimasta incinta mentre lavorava per la stessa azienda. In questo modo potrete sapere cosa aspettarvi ed essere preparate ad affrontare eventuali domande o dubbi del vostro datore di lavoro. Ma procedete con cautela: il vostro capo apprezzerà il fatto di aver appreso l’eccitante notizia da voi e non dalle voci di corridoio dell’ufficio.

Prima dell’incontro, informatevi sulle politiche aziendali in materia di gravidanza e di congedo parentale e prendete in considerazione l’idea di sedervi con il rappresentante delle risorse umane per ottenere ulteriori informazioni su fattori importanti come il congedo retribuito o non retribuito, le possibili modifiche all’assicurazione sanitaria e le opzioni per il congedo di invalidità, nel caso in cui si verifichi una condizione medica.

Lavoro e fatica

Sia che passiate dalle 9 alle 5 a una scrivania o che siate in piedi dal momento in cui timbrate il cartellino, è più che probabile che dobbiate apportare alcune modifiche alla vostra routine lavorativa una volta che il bambino è arrivato a bordo.

La maggior parte dei datori di lavoro è favorevole alle donne durante la gravidanza e spesso propone una soluzione ragionevole per il loro lavoro. Ciò può includere pause frequenti, limitazione dei compiti più faticosi o trasferimento da un ambiente di lavoro a un altro per ridurre l’esposizione ai rischi del luogo di lavoro, come radiazioni, sostanze chimiche tossiche e fattori ambientali.